A proposito della legge criminale che aiuta i criminali, il presidente della Repubblica Napolitano ha dichiarato: “I professionisti della richiesta al presidente di non firmare sono numerosi ma molto spesso parlano a vanvera”. Osservazione ineccepibile se il capo dello Stato si riferisce all’impossibilità di mettere la firma sotto un testo che deve essere approvato dalla Camera, e dunque, non ancora definitivo.

L’intervento presidenziale offre l’occasione per rammentare l’esistenza dell’articolo 74 della Costituzione repubblicana, che così recita: “Il presidente della Repubblica, prima di promulgare la legge, può con messaggio motivato alle Camere chiedere una nuova deliberazione. Se le Camere approvano nuovamente la legge, questa deve essere promulgata”. Tale rinvio – esercitato da molti presidenti su leggi fondamentali per la libertà dei cittadini come forte atto di dissenso, e quindi tutt’altro che a “vanvera” – deve indicare le ragioni del veto sospensivo. Esse possono riguardare solo la legittimità e l’opportunità costituzionale della legge, vale a dire l’eventuale contrasto tra le norme in essa contenute e la Costituzione. Che la legge criminale che aiuta i criminali sia un insulto alla Costituzione lo dicono magistrati, editori, giornalisti e l’opposizione che, ieri al Senato, in segno di protesta ha abbandonato l’aula. Siamo certi che al momento opportuno il presidente Napolitano saprà tenerne conto.

Da il Fatto Quotidiano dell’11 giugno

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Hanno la faccia come il Foglio

prev
Articolo Successivo

È L’ultima cricca raccontabile

next