» Cultura
mercoledì 09/11/2016

Freetown non è Londra, la spy story è piena di iene

Freetown non è Londra, la spy story è piena di iene

Mettete da parte le avventure glamour del James Bond hollywoodiano, il mondo delle spie è popolato da iene. Almeno così lo dipinge lo scrittore statunitense Denis Johnson nel suo nuovo romanzo, Mostri che ridono (accuratamente tradotto da Silvia Pareschi). Il cuore dell’azione è Freetown, la capitale della Sierra Leone, in cui convive un crocevia fatto […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2017 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Cultura

Il potere dei social media e i giornalisti “mucche”

Cultura

Dacia racconta a Concita i suoi ricordi “senza tempo”

L’importanza dello spazio interiore: il silenzio in note
Cultura
Jazz - Un trombone usato come voce

L’importanza dello spazio interiore: il silenzio in note

di
Come dormi se il sogno americano è finito?
Cultura
Post-punk - Disco dedicato ai fan

Come dormi se il sogno americano è finito?

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×