» Commenti
mercoledì 04/01/2017

Caro Beppe, il Minculpop a 5 Stelle non ci serve

Caro Beppe, il Minculpop a 5 Stelle non ci serve

L’ultima uscita di Beppe Grillo sulla “giuria popolare per smascherare i media” ammazza la penultima uscita di Beppe Grillo, il codice etico sugli avvisi di garanzia che per gli iscritti ai 5Stelle (e si ritiene non soltanto per essi) andrà soppesato e non valutato come indizio automatico di colpevolezza.

Questo impulso autodistruttivo ricorda la favola dello scorpione che convince la rana a traghettarlo e, quando a metà del guado con il suo pungiglione la uccide condannando entrambi all’annegamento, rassegnato dice: è la mia natura. Poiché non v’è nesso logico e politico alcuno tra il pretendere una sorta di gogna medievale per l’informazione sgradita e una scelta che – al netto del possibile uso strumentale ad personam, anzi ad Virginia Raggi (gravata come sindaco di Roma dall’ipotesi di un’indagine giudiziaria) – si affida a un principio equo di responsabilità e non più alla legge del taglione.

È come se le scelte adottate dal garante del M5S poggiassero su di un equilibrio instabile: un passo in avanti su convinzioni maturate nella pratica istituzionale, per poi ricadere all’indietro nel movimentismo più rozzo e vendicativo. Non sfugge certo la concomitanza con le critiche che dai militanti duri e puri sono piovute sulla svolta “garantista”, ma pensare di compensarle con la creazione di un demenziale tribunale del popolo sembra dimostrare come lo stesso artefice del movimento che ha rivoluzionato il panorama politico italiano debba meglio interrogarsi sul concetto di democrazia.

Perché oltre che i giudizi di alcune migliaia di militanti, Grillo oggi dovrebbe meglio soppesare le opinioni degli otto-nove milioni di cittadini che dal 2013 in poi stanno dando fiducia al M5S e ai suoi propositi di rinnovamento, pur non facendone parte. Si ponga qualche domanda. Davvero essi chiedono di essere governati da una classe dirigente nata sul principio di uno vale uno ma oggi costretta a rispondere delle proprie azioni a uno soltanto? Davvero questa parte della nazione non è in grado di distinguere tra informazione corretta e informazione taroccata e sente impellente la necessità di un Minculpop a cinque stelle?

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Cronaca

“Il bavaglio al Web? Temono ogni dissenso e una realtà che non riescono più a gestire”

Cronaca

Cona, la morte e la rivolta. E anche il sindaco dice: “Uno scempio disumano”

Commenti

Mail box

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 22 alle 7, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×