/ / di

Marco Ponti Marco Ponti

Marco Ponti

Professore ordinario di Economia applicata, Politecnico di Milano

Sono del ’41, ho una laurea in architettura al Politecnico di Milano. Ho studiato un pò negli Stati Uniti, poi ho lavorato nei trasporti in giro per il mondo per 13 anni come consulente per la Banca Mondiale. Ho fatto l’imprenditore (sempre negli studi di trasporti, la mia società si chiama TRT), poi ho incominciato a insegnare economia e a scrivere sui giornali, sono stato consulente di molti ministri dei trasporti e economici, con rapporti in genere difficilissimi, sono stato consigliere di amministrazione di due società pubbliche da cui mi hanno cacciato, sempre a causa delle mie idee, adesso sono professore ordinario di Economia al Politecnico di Milano (in fase di pensionamento), sono responsabile di un gruppo di ricerca internazionale sulla regolazione economica dei trasporti, e collaboro con la Commissione Europea.
Sono stato definito a suo tempo da un collaboratore del ministro Lunardi un pericoloso comunista-liberista, cosa di cui vado molto fiero.

Articoli Premium di Marco Ponti

Il Fatto Economico - 7 giugno 2017

Caro Mazzoncini, lo Stato non paga le Fs soltanto per aiutare i più poveri

Nell’intervista rilasciata al Fatto Quotidiano il 2 giugno, l’ingegner Renato Mazzoncini, ad delle Ferrovie, ha finalmente parlato dei trasferimenti pubblici Stato-Fsi (circa 14 miliardi/anno, a diverso titolo). Vale però la pena puntualizzare alcuni punti tecnici: 1) Molti servizi ferroviari hanno carattere sociale, si sostiene, quindi per tener basse le tariffe vanno sussidiati. Santa verità. Ma […]
Il Fatto Economico - 24 maggio 2017

Ferrovie, gli investimenti che diventeranno inutili

Il governo Gentiloni continua con la “cura del ferro”, predicata come fondamentale per il Paese dal ministro dei Trasporti Graziano Delrio: enormi investimenti per le infrastrutture ferroviarie, ma tra pochi anni si potrebbe scoprire che sono stati soldi mal spesi. Tuttavia in termini di consenso immediato il quadro è ben diverso. Il modo ferroviario consente […]
Il Fatto Economico - 26 aprile 2017

Fs, boom di profitti frutto del monopolio

Il bilancio per il 2016 di Ferrovie dello Stato italiane Spa (Fsi), la holding ferroviaria pubblica che fornisce servizi sia passeggeri che merci (con una posizione fortemente dominante di circa il 90% del mercato ferroviario), e che dispone della rete ferroviaria nazionale, appare molto positivo. Profitti netti di quasi 800 milioni di euro, che tornano, […]
Il Fatto Economico - 19 aprile 2017

Anas-Ferrovie, breve manuale per un monopolista perfetto

Il perfetto manager ferroviario come primo dovere avrà quello di coltivare gratitudine (un nobile sentimento) per i politici cui, direttamente o per interposta persona, deve il posto. Poi non userà mai, per nessuna ragione, la parola “sussidio”, anche se la sua impresa di sussidi vive (ed è interamente di proprietà dello Stato). Suona male, una […]
Il Fatto Economico - 5 aprile 2017

People mover di Pisa: i conti sono più incerti della Torre

I lavori del people mover di Pisa sono finiti. L’opera è costata 71 milioni di euro, meno dei 78 previsti, e questo è positivo. Le risorse vengono per 21 milioni da un finanziamento europeo (cioè pubblico), meno dei 27 previsti, altro fatto positivo. Ma i 50 milioni “a carico dei privati che la gestiranno nei […]
Il Fatto Economico - 15 marzo 2017

Lo spettro di Karl Marx sulla sinistra anti mercato

Oggi sembra indispensabile entrare in merito ai fondamenti politici della questione delle posizioni anti-mercato che sembrano diffuse da noi tra gli urbanisti e gli ambientalisti, il M5S, la Lega, la sinistra a sinistra del Pd, e paradossalmente nel mondo anche nelle nuove destre “sovraniste”, per queste ultime con alcune connotazioni razziste (il massimo consigliere di […]
Il Fatto Economico - 8 febbraio 2017

Scioperare nel trasporto pubblico è un abuso ai danni dei cittadini

L’ennesimo sciopero dei trasporti pubblici romani è stato revocato solo all’ultimo minuto, ma vale la pena di commentare il fenomeno più in generale, data la sua frequenza (per il caso romano, poi, appare peculiare che scioperi una azienda di fatto già fallita più volte e tenuta in piedi con soldi di tutti i cittadini). Un […]
Il Fatto Economico - 11 gennaio 2017

Sussidi, lavoro e profughi: un controcanto liberista

“La Repubblica italiana è fondata sul lavoro”, recita la Costituzione. Ma questa è una ipocrisia in un regime capitalistico: il lavoro dipende dal ciclo economico nazionale e internazionale, e dalla competitività delle imprese, non dalle buone intenzioni dei governanti. Il lavoro può avere prezzi relativi troppo alti sia per l’insufficiente sviluppo tecnologico del Paese, o […]
Il Fatto Economico - 7 dicembre 2016

Manutenzione stradale, gare e spezzatino dei grandi gruppi

Tra concorrenza e sviluppo tecnologico c’è un noto, forte nesso. La concorrenza è un incentivo fondamentale, anche se lo Stato può e deve avere un ruolo. Questo implica ovviamente meno cemento e meno monopoli per i trasporti, obiettivi dominanti dei governi passati. Vediamo un decalogo di cose da fare. 1) Fare manutenzione della rete stradale […]
Commenti - 30 novembre 2016

Euro, debito e privatizzazioni: cosa pensa davvero il M5S?

Il tempo stringe. Se dopo il referendum il Movimento 5 Stelle intende davvero candidarsi a ruoli di governo, occorre che espliciti senza ambiguità i contenuti del proprio programma economico. Sul sito c’è una lunga serie di punti programmatici. Proviamo a ricavarne un quadro, per quanto arbitrario, e certamente non neutrale (chi scrive non crede si […]

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×