/ / di

Fabio Scacciavillani Fabio Scacciavillani

Fabio Scacciavillani

Chief Economist Fondo d'investimenti dell'Oman

Sono nato a Campobasso nell’ormai lontano 1961. Finito il corso di laurea in Economia e commercio alla Luiss di Roma, sono stato ammesso al programma di Ph.D. in Economia all’Università di Chicago, dove ho anche insegnato alcuni corsi al College e alla Business School. Dopo aver preso il Ph.D. ho lavorato al Fondo monetario internazionale a Washington, alla Banca centrale europea a Francoforte (nel periodo pioneristico in cui è partita l’unione monetaria), a Goldman Sachs a Londra e da qualche anno mi sono trasferito nella Penisola Arabica, approdando prima in Qatar alla Gulf Organization for Industrial Consulting (un’organizzazione internazionale tra paesi del Golfo), poi negli Emirati Arabi Uniti come direttore della Ricerca macroeconomica e statistica al Centro finanziario internazionale di Dubai e infine a Muscat per lavorare al fondo sovrano dell’Oman. Penso sia superfluo sottolineare che ciò che scrivo rispecchia solo mie opinioni personali e non coinvolge in alcun modo l’istituzione per la quale lavoro, o quelle per cui ho lavorato in passato, né contiene informazioni di sorta su investiment passati, presenti o futuri. Nelle mie ricerche e nell’attività professionale mi sono occupato principalmente di tassi di cambio, politica monetaria, riforme strutturali e mercati finanziari. Nonostante manchi dall’Italia da oltre venti anni, non ho mai reciso il cordone ombelicale con il mio paese (contro ogni ragionevolezza), continuando a sperare (contro ogni evidenza) in un suo futuro migliore. Quindi, più che un cervello in fuga (che sarebbe un’esagerazione), direi che (talvolta) mi sento una coscienza in esilio.

Blog di Fabio Scacciavillani

Zonaeuro - 27 giugno 2016

Brexit e crisi esistenziali, il destino dei referendum farsa

brexit_675 Devo ammettere che una vampata di goduria (politica) così intensa non la provavo dai tempi del referedum convocato da quel fenomeno di Tsipras. Essenzialmente il destino ineluttabile dei referendum farsa è di ribaltarsi violentemente contro i demagoghi da strapazzo che li propugnano, pescando nel bacino di ignoranza e paure irrazionali abilmente propagate nell’elettorato. Accadde appunto […]
Zonaeuro - 23 giugno 2016

Sono un liberale europeista convinto. Proprio per questo tifo Brexit

brexit_675 Immagino non sia un mistero per chi segue questo blog che io sia un liberale europeista convinto. Proprio per questa ragione tifo Brexit. L’apparente contraddizione è presto spiegata. I vari governi del Regno Unito succedutisi nei passati  40 anni, all’interno delle istituzioni europee si sono distinti soprattutto per una pertinace azione di sabotaggio. Talora subdola, […]
Economia & Lobby - 28 marzo 2016

La balla dei poveri che diventano sempre più poveri

Per celebrare Pasquetta arriva la terza puntata nella serie dedicata a smontare, dati alla mano, le fandonie più pervicacemente incistate nelle menti credule. I mestatori politici hanno l’esigenza pressante di fornire quantità sempre maggiori di carburante elettorale al motore dello spreco pubblico, spacciato ovviamente per redistribuzione del reddito. Pertanto adottano il metodo più efficace e sbrigativo […]
Diritti - 5 marzo 2016

Utero in affitto: un benvenuto liberale a Tobia Antonio Vendola

Non si è mai appurato se l’utero della madre degli imbecilli sia in affitto. In compenso l’evidenza empirica indurrebbe ad ipotizzare che l’utero della madre dei bigotti sia ampiamente disponibile in usufrutto o in comodato gratuito. Gli effetti (o, se preferite, i danni) collaterali investono persino quegli ambientini chic in cui avventori à la page […]
Economia & Lobby - 25 febbraio 2016

Primarie Usa e l’odore dei soldi

Come alcuni lettori ricorderanno, per il 2016 mi sono riproposto di dedicare una serie di post a smontare, con dati nudi e crudi, le fandonie più diffuse dai media sia tradizionali che online. Il primo post della serie era dedicato alla bufala della deflazione salariale in Germania. La vittoria di Donald Trump nei caucus del […]
Economia & Lobby - 4 febbraio 2016

Banche, otto passaggi chiave per la ‘raccolta differenziata’ delle sofferenze bancarie

Cauterizzare la piaga delle sofferenze bancarie (in inglese Non Performing Loans, Npl) non sarà un pranzo di gala. Tuttavia non è scontato che finisca in merende stile Pacciani, sui colli toscani evocati da Banca Etruria e Mps. Gli ambienti finanziari erano stati indotti dal governo a pensare che le ecoballe creditizie sarebbero state sversate in […]
Politica - 16 gennaio 2016

Il Quarto di Grillo e l’oncia di carne

Mentre si assiste rapiti al frenetico Ballo del Qua Qua-rto, originale format dove i più eminenti contorsionisti politici (dal Tristo Trio in Cravattino ai Buzzi-coni Indignados) si esibiscono in strabilianti acrobazie, nell’atmosfera neo-fantozziana da rutto libero si insinua un dubbio orrendo. Per giorni si sono sviscerate decine di minuziosi dettagli, setacciati gli atomi di ogni […]
Zonaeuro - 10 gennaio 2016

Lavoro, la fandonia della deflazione salariale tedesca

All’alba del nuovo lustro mi sono ripromesso di dedicare una serie di post al castello di fandonie eretto da improbabili personaggi che talora esibiscono qualifiche accademiche di quart’ordine e talaltra si autoproclamano “esperti” a una platea allucinata. Iniziamo la serie dalla cosiddetta “deflazione salariale tedesca” fandonia di immensa popolarità in quanto per motivi imperscrutabili agisce […]
Economia & Lobby - 21 novembre 2015

Evasione fiscale, contro i cattivi usiamo Paperino

Il lavaggio del cervello lo si immagina come nelle scene di Arancia Meccanica. Sequenze traumatiche e violente proiettate ossessivamente su uno schermo incombente alla vittima legata ad una specie di sedia elettrica. Neanche per sogno. In realtà il lavaggio del cervello è un’esperienza resa immensamente piacevole, che lascia la vittima in preda ad un’estasi e ad […]
Economia & Lobby - 1 settembre 2015

Risparmi, siamo tutti cornuti ed espropriati

Nonostante lo Stige di inchiostro versato dalla stampa e le accorate maratone radiotelevisive da Atene sulla crisi greca (con gli entusiasti aspiranti pifferai della brigata Kalimera poi ritiratisi mestamente a Capalbio) sugli schermi radar dei commentatori pare essere sfuggito un fatto macroscopico. Un monumentale abuso contro almeno mezza dozzina di diritti fondamentali, che costituiscono l’essenza […]

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×