/ / di

Fabio Scacciavillani Fabio Scacciavillani

Fabio Scacciavillani

Chief Economist Fondo d'investimenti dell'Oman

Sono nato a Campobasso nell’ormai lontano 1961. Finito il corso di laurea in Economia e commercio alla Luiss di Roma, sono stato ammesso al programma di Ph.D. in Economia all’Università di Chicago, dove ho anche insegnato alcuni corsi al College e alla Business School. Dopo aver preso il Ph.D. ho lavorato al Fondo monetario internazionale a Washington, alla Banca centrale europea a Francoforte (nel periodo pioneristico in cui è partita l’unione monetaria), a Goldman Sachs a Londra e da qualche anno mi sono trasferito nella Penisola Arabica, approdando prima in Qatar alla Gulf Organization for Industrial Consulting (un’organizzazione internazionale tra paesi del Golfo), poi negli Emirati Arabi Uniti come direttore della Ricerca macroeconomica e statistica al Centro finanziario internazionale di Dubai e infine a Muscat per lavorare al fondo sovrano dell’Oman dove sono stato il capo economista per poi assumere il ruolo di Chief Strategist Officer. Penso sia superfluo sottolineare che ciò che scrivo rispecchia solo mie opinioni personali e non coinvolge in alcun modo l’istituzione per la quale lavoro, o quelle per cui ho lavorato in passato, né contiene informazioni di sorta su investiment passati, presenti o futuri. Nelle mie ricerche e nell’attività professionale mi sono occupato principalmente di tassi di cambio, politica monetaria, riforme strutturali e mercati finanziari. Ultimamente la mia interfaccia con la realtà si è arricchita di un nuovo sensore, il Consiglio di Amministrazione di Sigit, una multinazionale nella componentistica termoplastica auto (e non solo) con mente italiana e ambizioni globali. Nonostante manchi dall’Italia da oltre venti anni, non ho mai reciso il cordone ombelicale con il mio paese (contro ogni ragionevolezza), continuando a sperare (contro ogni evidenza) in un suo futuro migliore. Quindi, più che un cervello in fuga (che sarebbe un’esagerazione), direi che (talvolta) mi sento una coscienza in esilio.

Blog di Fabio Scacciavillani

Società - 5 marzo 2017

Biotestamento, eutanasia, aborto, padri omosessuali. Dove andremo a finire?

Quest’oggi, carissimi fratelli, il blog paga il suo umile e deferente tributo a Santa Romana Chiesa che ha subito un vulnus terribile: l’orrendo peccato commesso dalla Regione Lazio, in spregio alle vigenti Ordinanze Papaline. I senzadio hanno intemeratamente bandito un concorso pubblico (addirittura riguardante un nosocomio intitolato allo Santo Camillo) destinato a medici che non obiettino […]
Economia & Lobby - 25 febbraio 2017

Taxi, giradischi e rullini fotografici scendono in piazza

Nel quadro dell’impegno sociale che ispira questo blog e nell’ambito delle attività filantropiche svolte a favore della comunità ci pregiamo di fornire una sintetica, ma ancora incompleta, lista degli scioperi, delle agitazioni e delle rivolte che dopo le violenze squadriste dei tassinari – avallate in un abbraccio di amorosi sensi dalla stella raggiante capitolina e […]
Economia & Lobby - 20 febbraio 2017

Ineguaglianze globali, ma chi è l’1 per cento? – II parte

La prima parte di questa serie sull’esecrato 1% di super ricchi ha galvanizzato le ubbie dei sanculotte da tastiera, impavidamente all’avanguardia di oniriche sommosse (altrui), a condizione di rimanere sbracati sul divano di casa. In realtà il post precedente costituiva una preliminare opera di disinfezione dalle purulente pseudo certezze inculcate attraverso gli slogan del webbe. Questa seconda puntata, la cui […]
Zonaeuro - 11 febbraio 2017

Uscita dall’euro, gli insospettabili sovranisti con le terga altrui

Venerdì 21 maggio 2010 accadde un fenomeno singolare. Sul Giornale, lo stesso quotidiano che oggi si distingue per la virulenta campagna anti-euro fu pubblicato un pezzo che conteneva una domanda: “Perché uno Stato debba essere attirato dall’idea di riprendersi la dracma o l’escudo [o la lira, aggiungiamo noi]”. La spiegazione era secca: “Svalutare la moneta per uno […]
Economia & Lobby - 5 febbraio 2017

Ineguaglianze globali, ma chi è l’1 per cento?

Vi scongiuro di non leggere questo post. Soprattutto se avete passato l’esistenza a indignarvi contro le ingiustizie, ad inebriarvi per Occupy Wall Street, ad esecrare quel maledetto 10% al mondo che detiene le ricchezze sottratte proditoriamente all’inerme 90%, a maledire la cupidigia dei ricchi globali contro le masse di diseredati. Rischiate un tremendo risveglio dal […]
Economia & Lobby - 29 gennaio 2017

C’erano una volta le grandi opere. Poi arrivò il masso di Salerno

Ieri mi è capitato inavvertitamente di sintonizzarmi su un canale italiano. Nelle lande extra-Stivale in TV vige una distinzione netta tra politica, informazione, religione, intrattenimento e Sagre della Cipolla. Pertanto personaggi di indubbio spessore come Sgarbi, Gasparri, Dibba o il Mago Otelma gestirebbero con discreto profitto uno smercio al dettaglio di tuberi. In Italia invece […]
Mondo - 20 gennaio 2017

Trump al potere, un antidoto chiamato realtà contro i deliri complottisti

Le menti credule prone a recepire minkio-verità assortite, tipo complotti del Bilderberg, chip sottopelle, scie chimiche o autismo da vaccino, si abbarbicano a strutture cognitive di straodinaria semplicità: esiste un ristretto gruppo di individui che (non si sa quando o in che modo) ha concentrato nelle proprie mani ricchezze straordinarie e poteri incontrollabili, per infliggere, […]
Economia & Lobby - 2 gennaio 2017

Senza certezza del diritto l’economia non cresce

“Ma quando finirà questa crisi?” è la fatidica domanda che un economista si sente rivolgere da quasi nove anni. Nella domanda stessa è insita un’aspettativa completamente distorta. In sostanza si ritiene che questa crisi per quanto lunga e virulenta sia pur sempre un fenomeno ciclico come sui libri di testo del secolo scorso. E quindi […]
Referendum Costituzionale - 28 novembre 2016

Referendum, la riforma costituzionale di (Du)Cetto La Qualunque

Cavour, Giolitti e Mussolini governarono sostanzialmente con lo stesso sistema costituzionale, ma con leggi elettorali diverse. Fu l’introduzione del suffragio universale (in un paese ad alto tasso di analfabetismo), e il Patto Gentiloni che ne derivò, a cambiare gli assetti politici reali. In poco tempo l’Italia fu spinta verso la Prima Guerra Mondiale, sull’onda delle […]
Economia & Lobby - 14 novembre 2016

Inflazione non fa rima con occupazione

Diradatisi i fumi della sbornia mediatica post Trump, e in attesa di apprendere la direzione della politica economica Usa, torniamo a occuparci delle fandonie incistate nelle menti credule. Questo post è dedicato alla Curva di Phillips (The relationship between unemployment and the rate of change of money wages in the UK 1861-1957 – Economica, 1958), cioè […]
Intervista a un mostro
Istat, nuovo minimo storico di nascite in Italia. Gli over 65 sono il 22,3% della popolazione

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×

Garantire la libertà de ilfattoquotidiano.it costa il prezzo di un cappuccino alla settimana.
Sostieni il nostro giornalismo a 60 euro l’anno o 5,99 euro al mese.

Diventa sostenitore
×