/ / di

Elisabetta Reguitti Elisabetta Reguitti

Elisabetta Reguitti

Giornalista

Sono diventata giornalista professionista da free-lance scrivendo “a cottimo e a chiamata” (so che molti di voi sanno bene cosa significhi) iniziando come cronista in un quotidiano di Brescia, mi sono laureata a Verona e ho scelto Roma tanto da viverci. Ho scritto per il dorso Lombardia de “Il Sole 24 Ore” faccio parte dell’associazione “Articolo21”.
Nel 2017 ho ricevuto la menzione speciale – Ordine dei giornalisti Sicilia – al premio giornalistico internazionale “Cristiana Matano” per un reportage che ho realizzato su Lampedusa.
Nel 2011 mi sono classificata prima al “Premio Clitunno” con un’inchiesta sugli infortuni sul lavoro.
Nel 2009 il terzo premio – dedicato alla sezione radio, televisione e web del premio – “Cronista Guido Vergani”.
Nel 2008 il primo premio della seconda edizione del “Donna si parla di te”.
Dal 2013 al 2014 – in aspettativa dal Fatto Quotidiano – ho ricoperto l’incarico di portavoce parlamentare del Presidente dell’XI Commissione della Camera dei Deputati.
Sono stata responsabile media e social dell’iniziativa “Palermo chiama Italia” promossa dalla Fondazione Giovanni Falcone di Palermo.
Nel 2016 ho collaborato alla trasmissione di Rai3 “I Dieci Comandamenti” ideata e condotta da Domenico Iannacone.
Sono nella squadra de Il Fatto Quotidiano dal 23 settembre 2009 – giorno della prima uscita – e orgogliosa che la mia idea di dedicare un giornale alla memoria di Enzo Biagi sia stata accolta dal direttore Padellaro che, insieme a Marco Travaglio e altri, ha poi fondato questa testata indipendente. La frase più bella da quando è nato il nostro giornale però l’avete scritta voi in un messaggio inviato all’allora Antefatto: “Continuate così. Noi siamo il vostro editore. Fino a quando compreremo il vostro giornale non dovrete temere nulla”.

Articoli di Elisabetta Reguitti

Cultura - 22 settembre 2017

Quattordici domande brevi da leggere nel tempo di un caffè: risponde Serena Dandini

1. Tratto saliente del suo carattere. Tre pregi e tre difetti. Per i pregi direi curiosità, passione e fedeltà. Per i difetti pigrizia, mania di controllo e fedeltà. 2. Cosa sognava di fare da grande. La professoressa universitaria. 3. Occupazione preferita quando non lavora. Amo il giardinaggio, curare le mie piante. 4. In quale epoca […]
Cultura - 15 settembre 2017

Quattordici domande brevi da leggere nel tempo di un caffè: risponde Giusy Versace

1. Tre peggiori difetti e tre migliori pregi.  Pignola, dormigliona e golosa. Determinata, solare e generosa. 2. Cosa non sopporta negli altri e cosa in se stessa. Negli altri non sopporto l’arroganza. In me non sopporto di tendere ad accentrare e voler supervisionare sempre ogni cosa. 3. Chi come lei non può più contare su […]
Cervelli in fuga - 14 settembre 2017

“In Sudafrica chi ha una laurea trova lavoro, in Italia a 30 anni siamo ancora costretti a vivere con mamma e papà”

“Tante persone che conosco in Italia accettavano e accettano proposte di lavoro da 500 euro al mese o addirittura gratis, magari anche in un’altra città. Ma chi come me non ha la possibilità di farsi mantenere dai genitori mentre lavora, come fa?”. Letizia Pacitto, 31 anni, laureata con il massimo dei voti in Economia e […]
Cultura - 8 settembre 2017

Quattordici domande brevi da leggere nel tempo di un caffè: risponde Serse Cosmi

1)Come si descriverebbe? Artefice e vittima della mia passione. 2)Tre suoi peggiori difetti e tre pregi. Istintivo, pigro e logorroico. Generoso, diretto e istintivo. 3)Cosa la fa arrabbiare fuori dal campo e cosa dentro il campo. L’assoluta assenza di passione. Il vittimismo. 4)A cosa non riuscirebbe a rinunciare? Ad un divano comodo. 5)Cosa la colpisce […]
Attualità - 1 settembre 2017

Quattordici domande brevi da leggere nel tempo di un caffè: risponde Sabrina Colle

1)Tratto principale del suo carattere: pregi e difetti. Riconosco  di possedere una generosità più morale che materiale che mi porta naturalmente verso gli altri. Sono totalmente priva d’invidia, non sono affatto competitiva, anche perché, sinceramente, mi costerebbe troppa fatica. Ho il vizio di procrastinare e una forma di elusività con la quale evito gli scontri. […]
Cultura - 25 agosto 2017

Quattordici domande brevi da leggere nel tempo di un caffè: risponde Roberto D’Agostino

1) Tre aggettivi per definirsi. Stronzo, stronzetto, stronzissimo. 2) Principale pregio e principale difetto. L’amore per il porno e la sordità. 3) Un oggetto a cui è particolarmente affezionato e perché. Il mio cazzo per il piacere che mi ha dato, sempre. 4) Un politico di cui ha avuto stima, uno che ha disprezzato. Cossiga […]
Cultura - 18 agosto 2017

Quattordici domande brevi da leggere nel tempo di un caffè: risponde Max Paiella

1) Come si descrive Quando parlo di me sono abituato a considerarmi con eccessiva umiltà, quindi ora non lo farò. Ho una grande quantità di entusiasmo spesso provocato da piccoli avvenimenti, mi piace l’onestà, la creatività libera da ogni ideologia. Mi infastidiscono i dittatori, piccoli e grandi, e ho una sana tendenza all’ottimismo. 2) Pregi […]
Attualità - 11 agosto 2017

Quattordici domande brevi da leggere nel tempo di un caffè: risponde Andrea Provvidenza

1) Come si descrive. Curioso, fortunato. 2) Un rimpianto. Nessun rimpianto anche perché tanto sarebbe impossibile tornare indietro. Meglio guardare sempre in avanti. 3) Il suo incontro con Gwyneth Paltrow. Ha indossato uno dei mie cappotti in durante un servizio fotografico e dopo pochi mesi “LodenTal” era in vendita nel suo sito e-commerce. 4) Giorno […]
Cultura - 4 agosto 2017

Quattordici domande brevi da leggere nel tempo di un caffè: risponde Stefania Rocca

1) Come si descrive. Mi ritengo una donna con un carattere indipendente, sono passionale ed autentica. 2) Tre pregi e tre difetti. Tenace, critica con me stessa, generosa. I difetti sono gli stessi pregi portati all’eccesso. 3) Se non avesse fatto l’attrice cosa avrebbe fatto? Mi sarebbe piaciuto lavorare nelle carceri minorili come psicologa. 4) […]
Cultura - 28 luglio 2017

Quattordici domande brevi da leggere nel tempo di un caffè: risponde Paola Perego

1)Tre aggettivi per definirsi. Testarda, generosa e distratta. 2)Attore/attrice, film, libro preferiti. Meryl Streep, “La casa degli spiriti”, “Cent’anni di solitudine”. 3)Ha esordito molto giovane in video: cosa è rimasto immutato e cosa è cambiato della TV? Prima era un punto di arrivo dopo la gavetta, ora il punto di partenza. Oggi c’è molta approssimazione […]
Quattro mezze cartelle /11: L’ultima notte di Galois
Roma: altro che marcia fascista, da Londra a San Lorenzo si festeggia il Carnival afro-latino

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×