IlFattoQuotidiano.it / BLOG / di Riccardo Orioles

Riccardo Orioles Riccardo Orioles

Riccardo Orioles

Giornalista

Riccardo Orioles (Milazzo, 22 dicembre 1949) è un giornalista italiano, punto di riferimento nel panorama delle firme giornalistiche in Sicilia, impegnato a contrastare la mafia e la corruzione. Alcune delle sue inchieste più notevoli riguardano i rapporti tra mafia e massoneria.

Siti internet: www.isiciliani.itwww.ucuntu.org

Post di Riccardo Orioles

Cronaca - 2 ottobre 2014

Milazzo: le donne dei lenzuoli contro la ‘bomba’ ecologica della raffineria

Milazzo-Twitter Milazzo (Messina). “Siamo vive per miracolo” dicono le nuove “donne dei lenzuoli” siciliane. Dopo il terrificante incendio nella raffineria del 27 settembre, non vogliono continuare a vivere nell’attesa di una catastrofe annunciata. Vent’anni fa, a Palermo, i lenzuoli furono esposti ai balconi contro le bombe mafiose. Oggi, una generazione dopo, tornano contro la bomba ecologica […]
Mafie - 13 settembre 2014

Catania come metafora della triste Italia dei Mario Ciancio

Molti anni fa, a un ricevimento romano, il cavaliere del lavoro Rendo (uno dei quattro “cavalieri dell’apocalisse mafiosa” denunciati da Fava, dalla Chiesa e Carlo Palermo) si avvicinò a un ministro col solito sorriso e la mano tesa. Il ministro – Spadolini – lo squadra. Poi senza una parola si volta e se ne va. […]
Società - 6 luglio 2014

Prima guerra mondiale, estate 1914 in Sicilia: i mostri e i nuovi mostri. Il mondo visto da quaggiù

L’Europa, come sapete, è morta ammazzata esattamente cent’anni fa. E’ ancora un argomento di moda (quand’ero giovane io era addirittura sexy), ma, ahimè, solo fra i più benestanti o più colti, la crema. Per il comune europeo, l’Europa non è che uno dei tanti nuovi mostri – i marchionni, i blairthatcher, i renzaletti – che, […]
Cronaca - 29 giugno 2014

Grande Guerra: come far saltare in aria un Mondo

Guerre. Perché è scoppiata la Prima Guerra mondiale? Più ci studio, e più mi rendo conto che in realtà non è riuscito a capirlo ancora nessuno. Le ipotesi più coerenti, ai due estremi, sono quella di Nicola Lenin e Winston Churchill. Il primo era convinto che i capitalisti dovessero prima o poi scatenare una guerra […]
Politica & Palazzo - 8 giugno 2014

Lista Tsipras: ora bisogna correre più veloci della Spinelli

Alla fine, i malvagi “partitini” si sono comportati responsabilmente, con serietà e con moderazione (forse anche troppa), mentre i famosissimi “garanti” non hanno garantito un bel niente: dall’ottimo Camilleri, incazzato perché non abbiamo messo in lista la Sonia Alfano alla nobile Spinelli “Decido-Io”. Vabbé. Tutto sommato, abbiamo mandato una parlamentare in Europa, e siamo riusciti […]
Media & regime - 25 aprile 2014

I Siciliani, il cammino dell’altra Italia

Medioevo sociale: re inutili, saccheggi e orde di feudatari imperversanti. E il popolo, gli ex cittadini? La politica, veramente, non conta più tanto in Italia, non almeno nel senso “occidentale” del termine: ormai è la finanza a sostituirla e lei sopravvive appena in qualche personaggio-macchietta e in qualche raffazzonato proclama. L’economia, a sua volta, è […]
Cronaca - 28 febbraio 2014

Messina, il prefetto del Re e la cultura vietata

Il Teatro Pinelli di Messina equivale, in Sicilia, al Teatro Valle di Roma. In Sicilia, però, fare teatro e cultura, e denunciare le speculazioni, è molto più difficile che a Roma. In poco più di un anno, i ragazzi del teatro Pinelli sono stati scacciati due volte (con relative denunce) dai luoghi abbandonati che avevano […]
Diritti - 11 febbraio 2014

Olimpiadi: il coming out che sconvolge ‘l’ekumene’

Montano le polemiche a pochi giorni dall’apertura dei Giochi della XXIV Olimpiade, segnati ormai irrimediabilmente da tematiche (diritti civili, rapporti di coppia “irregolari” ecc.) che hanno finito per travolgere anche quello  che fino a qualche anno fa era semplicemente  un momento d’incontro fra sportivi e di relax per il pubblico e anche un momento di […]
Cronaca - 4 gennaio 2014

Pippo Fava, trent’anni dopo: chi sono oggi i suoi ragazzi

Ahimè – dice lo specchio –  non sei più un “ragazzo di Fava” ma un anziano signore un po’ imbranato che sale le scale a fatica per via del sovrappeso. E come si chiamava quel giudice? Te lo ricordi ancora? Giornalista antimafia? Ma a chi vuoi darla a bere? Ma i ragazzi di Fava ci […]
Media & regime - 8 dicembre 2013

Libertà di stampa: Grilli, merli e uomini veri

Francesco Merlo, insultato da Grillo, “gli ultimi elenchi di giornalisti, - risponde - le ultime schedature di obiettivi sensibili, le hanno fatte in Italia quelli che poi, dopo qualche anno, aspettarono in via Solferino Walter Tobagi. E, a ritroso, i camorristi che inseguirono la Mehari di Giancarlo Siani e i mafiosi che pedinarono Pippo Fava…“. Momento. A noi […]