/ / di

Riccardo Orioles Riccardo Orioles

Riccardo Orioles

Giornalista

Riccardo Orioles (Milazzo, 22 dicembre 1949) è un giornalista italiano, punto di riferimento nel panorama delle firme giornalistiche in Sicilia, impegnato a contrastare la mafia e la corruzione. Alcune delle sue inchieste più notevoli riguardano i rapporti tra mafia e massoneria.

Siti internet: www.isiciliani.itwww.ucuntu.org

Post di Riccardo Orioles

Società - 23 gennaio 2015

L’Italia riuscirà a sopravvivere fino al 2024?

Questo pezzo chiude l’annuario 2014 di “Stampo Antimafioso”, il giornale degli studenti milanesi che aderiscono alla rete dei “Siciliani giovani”. Li trovi su www.stampoantimafioso.it Un samizdat (“edito in proprio”) nella gerontocratica Russia di Breznev era uno scritto escluso dai canali di distribuzione ufficiali che girava fra i giovani oppositori. Non essendoci Internet, la tecnologia era […]
Media & Regime - 12 gennaio 2015

Charlie Hebdo: je suis Lillò

Lillo Venezia era il direttore del “Male” (fra l’altro ci collaborava anche Wolinski), che era la versione italiana del vecchio Harakiri (che poi, cambiato nome, diventò Charlie Hebdo). In questa veste ha preso circa duecento querele, qualcuna delle quali lo portò in galera insieme con altri disegnatori blasfemi di quei tempi. Ce lo siamo ritrovati […]
Mafie - 30 dicembre 2014

Mafia: da Carminati e ritorno in Sicilia. Cosa renderà difficile il 2015

Allora: Carminati era il capo della mafia a Roma, Liggio a Palermo, Santapaola a Catania: signori assoluti delle rispettive città, padroni dopo Dio. A Palermo i comunisti pensavano diversamente: Lima, i Salvo, Ciancimino, il potere dc, gl’imprenditori; ma erano comunisti e lo dicevano per pura cattiveria. A Catania Giuseppe Fava: i “cavalieri dell’apocalisse”, gli appalti, […]
Mafie - 24 dicembre 2014

Mafia e mafiosi, chi vuol lottare lotti

 “I mafiosi stanno in Parlamento, sono a volte ministri, sono banchieri, sono quelli che in questo momento sono ai vertici della nazione…”. * * * Non abbiamo molto da aggiungere a queste parole. Cerchiamo semplicemente di agire conseguentemente ad esse. Senza urlare, senza carriere politiche, cercando semplicemente di costruire alla base – fra le persone […]
Ambiente & Veleni - 30 ottobre 2014

Milazzo, il petrolio e le ‘Ilve’ d’Italia: il problema è la cattiva pubblicità, no?

“Quello che ci vorrebbe è una bella campagna pubblicitaria nazionale, per far conoscere a tutti le bellezze della nostra bella città! La gente deve smetterla, appena si dice Milazzo, di pensare alla raffineria! Il cielo, il sole, il mare, questo bisogna dire per il turismo!”. Già. Il fatto è che una certa ora in poi […]
Cronaca - 2 ottobre 2014

Milazzo: le donne dei lenzuoli contro la ‘bomba’ ecologica della raffineria

Milazzo-Twitter Milazzo (Messina). “Siamo vive per miracolo” dicono le nuove “donne dei lenzuoli” siciliane. Dopo il terrificante incendio nella raffineria del 27 settembre, non vogliono continuare a vivere nell’attesa di una catastrofe annunciata. Vent’anni fa, a Palermo, i lenzuoli furono esposti ai balconi contro le bombe mafiose. Oggi, una generazione dopo, tornano contro la bomba ecologica […]
Mafie - 13 settembre 2014

Catania come metafora della triste Italia dei Mario Ciancio

Molti anni fa, a un ricevimento romano, il cavaliere del lavoro Rendo (uno dei quattro “cavalieri dell’apocalisse mafiosa” denunciati da Fava, dalla Chiesa e Carlo Palermo) si avvicinò a un ministro col solito sorriso e la mano tesa. Il ministro – Spadolini – lo squadra. Poi senza una parola si volta e se ne va. […]
Società - 6 luglio 2014

Prima guerra mondiale, estate 1914 in Sicilia: i mostri e i nuovi mostri. Il mondo visto da quaggiù

L’Europa, come sapete, è morta ammazzata esattamente cent’anni fa. E’ ancora un argomento di moda (quand’ero giovane io era addirittura sexy), ma, ahimè, solo fra i più benestanti o più colti, la crema. Per il comune europeo, l’Europa non è che uno dei tanti nuovi mostri – i marchionni, i blairthatcher, i renzaletti – che, […]
Cronaca - 29 giugno 2014

Grande Guerra: come far saltare in aria un Mondo

Guerre. Perché è scoppiata la Prima Guerra mondiale? Più ci studio, e più mi rendo conto che in realtà non è riuscito a capirlo ancora nessuno. Le ipotesi più coerenti, ai due estremi, sono quella di Nicola Lenin e Winston Churchill. Il primo era convinto che i capitalisti dovessero prima o poi scatenare una guerra […]
Politica - 8 giugno 2014

Lista Tsipras: ora bisogna correre più veloci della Spinelli

Alla fine, i malvagi “partitini” si sono comportati responsabilmente, con serietà e con moderazione (forse anche troppa), mentre i famosissimi “garanti” non hanno garantito un bel niente: dall’ottimo Camilleri, incazzato perché non abbiamo messo in lista la Sonia Alfano alla nobile Spinelli “Decido-Io”. Vabbé. Tutto sommato, abbiamo mandato una parlamentare in Europa, e siamo riusciti […]

•Ultima ora•

×