Tre persone – padre, madre e figlio di 11 anni – sono morte in un incidente avvenuto all’interno della solfatara, cratere vulcanico di Pozzuoli (Napoli), noto per le sue fumarole. Assieme al ragazzino sono morti il padre Massimiliano Carrer, 45 anni, e la madre Tiziana Zaramella, 42. Salvo un secondo figlio di 7 anni.

Secondo le prime ricostruzioni fornite dalla Protezione civile campana, l’11enne avrebbe oltrepassato il limite consentitofinendo in una zona interdetta alle visite caratterizzata da sabbie mobili e terreno friabile e da dove provengono forti esalazioni di gas. I genitori, nel tentativo di inseguirlo e raggiungerlo, sarebbero caduti nel fango bollente, in una voragine profonda tre metri, che si è aperta all’improvviso nel suolo. Ad estrarre i corpi delle tre vittime sono stati i vigili del fuoco.

La famiglia coinvolta è residente a Meolo, in provincia di Venezia, e si trovava in visita turistica nell’area dei Campi Flegrei. Sul posto sono intervenuti la polizia e i sanitari del 118 partiti dall’ospedale Santa Maria delle Grazie di Pozzuoli, che fanno sapere come fosse “impossibile mettere in atto alcun intervento di soccorso”. L’area, proprietà di privati e gestita dalla Vulcano Solfatara srl, rimarrà chiusa per tutta la giornata.

“Sono sconvolto per quanto accaduto all’interno della solfatara. Dolore profondo per l’immane tragedia che vede coinvolti tre turisti. Esprimo la piena vicinanza dalla comunità di Pozzuoli alla famiglia delle vittime”, ha commentato il sindaco di Pozzuoli, Vincenzo Figliolia.

La solfatara è uno dei vulcani dei Campi Flegrei, comprensorio a nord di Napoli costituito da circa 40 antichi vulcani. È un’oasi naturalistica che si estende per 33 ettari e che da sempre è meta di turisti. Oltre ai noti fenomeni vulcanici, come le fumarole, le mofete e i vulcanetti di fango, presenta anche zone boschive, zone di macchia mediterranea e singolarità naturali, geologiche, botaniche e faunistiche. Le principali attrazioni sono la fangaia, la “bocca grande”, ovvero la fumarola principale, il pozzo dell’acqua minerale e le vecchie stufe, delle saune naturali.