Ha trovato un ordigno bellico durante una passeggiata e ha deciso di portarlo a casa. Ma la bomba è esplosa nel garage nel momento in cui ha iniziato a maneggiarla. È morto così Alessandro Marini, milanese di 35 anni, mentre si trovava in vacanza nella sua villetta a Vezza d’Oglio in Valcamonica. L’esplosione ha provocato anche danni all’abitazione, mentre le case circostanti sono state evacuate per consentire le verifiche sull’agibilità.

L’uomo aveva trovato il reperto risalente alla Prima guerra mondiale il giorno precedente durante un’escursione in Adamello. Portata in garage, ha iniziato ad esaminarla, cercando di aprirla, probabilmente pensando che fosse disinnescata. Ma la carica esplosiva era ancora attiva. Alessandro, ferito gravemente, è riuscito ad uscire dal garage per cercare l’aiuto dei suoi genitori, ma poco dopo si è accasciato a terra senza vita. Del caso si sono occupati i carabinieri di Breno, i vigili del fuoco e anche gli artificieri dell’esercito.