“Se qualcuno tra le molte ong che lavorano bene hanno contatti e frequentazioni con scafisti, come potrebbe essere da quanto emerge, bisogna usare il pugno di ferro nel far rispettare le regole”. A parlare è il segretario del Pd Matteo Renzi dopo l’inchiesta che ha coinvolto una organizzazione non governativa, la tedesca Jugend Rettet. Ma la sua uscita provoca la reazione di Luigi Di Maio: “Pugno di ferro? Faccia di bronzo! Quando sollevai io il tema in aprile si mise a sparare a zero sul MoVimento 5 Stelle e sulla mia persona. Prima mi attaccava, oggi fa il pappagallo”. Il riferimento è al 23 aprile quando il vicepresidente della Camera diceva che “le Ong sono accusate di un fatto gravissimo, sia dai rapporti Frontex che dalla magistratura, di essere in combutta con i trafficanti di uomini, con gli scafisti, e addirittura, in un caso e in un rapporto, di aver trasportato criminali”. Renzi rispose che “il vicepresidente della Camera sta cercando di fare uno spot. Non ha un’idea di Europa. Guardano i sondaggi, vedono che la questione migranti attira l’attenzione della gente e ci si buttano”. Accusa dalle quali di questi tempi difficilmente pverità valere per diverse forze politiche. Dopo che per mesi il Pd ha rivendicato la priorità del salvataggio delle vite umane, ieri tutta la sinistra se l’è presa con il senatore Stefano Esposito, renziano, che in tv aveva affermato: “Ci sono alcune ong che hanno una posizione ideologica (o ideale dal loro punto di vista) per cui il tema è esclusivamente salvare vite umane, noi non ce lo possiamo permettere”. Toni che all’interno del Pd “tradiscono” una metamorfosi soprattutto dopo l’approdo al concetto leghista dell’”aiutiamoli a casa loro” che il leader democratico ha lanciato un mese fa.

Renzi, in un’intervista al Quotidiano Nazionale, chiede di nuovo il numero chiuso, anche se insieme all’approvazione dello ius soli. Fissa tre punti: “Primo, aiutarli davvero a casa loro, che significa, come abbiamo fatto, aumentare gli investimenti alla cooperazione internazionale; secondo lo Ius soli; terzo, il numero chiuso sulla base della capacità di integrazione. Come con la legge Napolitano-Turco. E quelli che non possono stare da noi devono essere presi dall’Europa, altrimenti smettiamo di trasferire soldi ai Paesi che non accettano le quote”. A Renzi su questo punto risponde Giorgia Meloni che arriva a parlare di “idiozie”. “C’è già il numero chiuso dell’immigrazione – dice la presidente dei Fratelli d’Italia – E’ una cosa che si chiama decreto flussi che il Governo italiano ha annullato perché tutte le quote di immigrazione sono coperte da chi entra illegalmente attraverso gli scafisti e chi volesse invece entrare regolarmente, ad esempio dalle Filippine, in Italia non può farlo. Quindi Renzi si limiti a far riprendere il decreto flussi invece di dire idiozie”.