“Questa sentenza riconosce un’associazione a delinquere semplice, non di tipo mafioso. Sono state date anche condanne alte. Le sentenze non illudono né deludono, ma si rispettano. Attenderemo le motivazioni”. Così il procuratore aggiunto Paolo Ielo ha commentato la sentenza della X sezione penale del Tribunale di Roma.