“A Mosul abbiamo cominciato a mangiare cani e gatti per sopravvivere all’assedio”. Lo raccontano molti residenti della città irachena, assediata dalle forze fedeli al governo di Baghdad, ancora sotto il controllo dell’Isis. “Gli abitanti del mio quartiere, che è nelle mani di Daesh, hanno mangiano cani, gatti, l’erba e le foglie cadute dagli alberi per sopravvivere alla fame”, racconta Sufian Ahmed, che vive nel quartiere al Najjar, parlando al telefono con al Araby al Jadeed, quotidiano panarabo con base a Londra. “Avevamo la speranza che i jet iracheni lanciassero pane al posto dei volantini” prosegue Ahmed, aggiungendo che quei “volantini sono stati raccolti e usati per accendere il fuoco” per scaldare l’acqua con cui bollire “l’erba e le foglie prima di essere mangiate”. La gente – conclude Ahmed – “comunque muore di fame. Non conosciamo quale sarà il nostro destino: se morire di fame, sotto una bomba o uccisi dall’Isis”.

A condividere la casa con Ahmed c’è Abu Jaber che spiega al giornale come fanno a catturare i cani. “Andiamo nelle case distrutte, dove ci sono ancora i cadaveri che attraggono gli animali. In quel momento li catturiamo. Le donne e i bambini – prosegue Jaber – hanno la priorità per mangiare. Ma non gli mostriamo come macelliamo gli animali”. Prima, conclude Abu Jaber, “pesavo 80 kg” mentre ora “sono ridotto a uno scheletro”. Non “sappiamo quando moriremo ma cerchiamo di vivere il più a lungo possibile”.

La situazione umanitaria nella città irachena è andata deteriorandosi poche settimane fa, quando l’esercito regolare ha tagliato l’ultima strada di rifornimenti dei combattenti dell’Isis che consentiva l’arrivo di viveri e armi. “La situazione sanitaria dei civili intrappolati nella parte ovest della città di Mosul, ancora nelle mani dello Stato Islamico, e assediata dalle forze irachene, continua a precipitare” ha spiegato al telefono, contattato dall’agenzia stampa turca Anadolu, un chirurgo, rimasto anonimo per paura di ripercussioni, visto che lavora in un ospedale nella parte della città controllata dall’Isis. “Ogni operazione medica, dalla rimozione dei proiettili alle schegge, è fatta senza anestesia perché non abbiamo medicinali”, ha aggiunto il medico, sottolineando che tutto il personale sanitario, è “costretto a prestare soccorso anche ai combattenti dell’Isis” e che nel caso di rifiuto “vengono considerati apostati, alleati del nemico”.

La situazione rimane precaria anche fuori dalle zone assediate, nelle aree della città Mosul liberate dall’esercito iracheno, sostenuto da una ampia coalizione di milizie sciite e sunnite, che sei mesi fa ha dato il via all’operazione per la liberazione della località. Khalil Ibrahim al Ashuri, a capo di una organizzazione per la tutela dei diritti umani, contattato telefonicamente dall’agenzia stampa turca, ha spiegato che “c’è stata una inflazione dei prezzi dei beni alimentari nelle aree liberate”. Un chilo di riso, ha riferito l’attivista, “costa circa 35 dollari, uno di zucchero 26 e una confezione di latte per bambini può raggiungere i 50 dollari”. Al Ashuri ha lanciato un appello alle organizzazioni della società civile – regionali o internazionali – chiedendo di “agire in fretta per salvare i civili da questa crisi”. Dall’ottobre 2016, data d’inizio delle operazioni militari, secondo stime del governo iracheno, sono almeno 430 mila i civili sfollati dalla città. Altre 260mila persone, secondo i dati forniti dal ministro per l’immigrazione iracheno, Jassem al Jaff, avrebbero lasciato la parte ovest della città dal febbraio scorso.