Li hanno trovati dentro un’auto crivellata di colpi e ribaltata a Canegrate, comune dell’hinterland milanese. Entrambi morti. Inizialmente i carabinieri di Legnano pensavano si trattasse di un semplice incidente stradale, ma una volta arrivati sul posto, in via Ancona, intorno alle 23 di giovedì sera dopo le richieste di soccorso da parte di alcuni residenti, hanno visto che contro la Volkswagen Polo erano stati esplosi 7-8 colpi di pistola e all’interno c’erano due cadaveri. Le vittime sono i fratelli albanesi Agron Lleshaj, 36 anni, che si trovava alla guida, e Alban Lleshaj, 29, entrambi residenti a Parabiago ed entrambi con precedenti per droga. Gli investigatori del Nucleo investigativo di Monza e della Compagnia di Legnano, guidati dal capitano Francesco Cantarella, sono impegnati a ricostruire l’esatta dinamica di quello che sembra un agguato. Del duplice delitto si occupa il sostituto procuratore di Busto Arsizio, Luca Pisciotta.

Le indagini, oltre a individuare l’assassino (o gli assassini), puntano a chiarire il movente. I carabinieri non escludono nessuna pista. Alcuni elementi in più potranno arrivare dall’autopsia che verrà svolta sui due cadaveri all’ospedale di Busto Arsizio. Bisogna capire se i fratelli Lleshaj siano morti per i proiettili o per il successivo incidente. Dopo gli spari, la Volkswagen Polo è carambolata su altre vetture parcheggiate in via Ancona e si è poi semi ribaltata sulla fiancata destra.

“Mi risulta siano due albanesi morti uccisi nel corso di un inseguimento, e non c’entrano con Canegrate, dove non mi risulta abitino, che è una città tranquilla, a parte qualche furto d’appartamento come ovunque – aveva detto all’alba il sindaco Roberto Colombo -. Il maresciallo dei carabinieri – ha continuato – mi ha detto di non rilasciare dichiarazioni alla stampa. Sono stato avvisato dai militari dell’Arma verso mezzanotte e anche i nostri vigili sono andati sul posto, richiamandomi all’una e raccontandomi ciò che hanno visto”.

Sconvolti i residenti della palazzina sotto la quale l’auto dei due giovani si è ribaltata. “Ho sentito un botto tremendo e mi sono affacciato – racconta un uomo – e ho visto l’auto di mia madre spostata in mezzo alla strada“. Pensando che qualcuno la stesse rubando, è sceso in strada. “Ho visto una macchina su un fianco – prosegue – un giovane gridava chiedendo aiuto, mi sembra avesse un foro di proiettile sul collo ma poi si è accasciato. Poi con altri vicini abbiamo tentato di sollevare la macchina perché un secondo giovane era schiacciato sotto, ma non ci siamo riusciti”. Quando i carabinieri sono arrivati i fratelli Lleshaj erano già morti.