Chiuso per una notte dentro al Duomo di Milano. Ha girato per la cattedrale per ore. Ha dormito sul tetto. Protagonista della vicenda un turista americano di 23 anni che ha passato la notte tra il 25 e il 26 luglio dormendo sul tetto. Alla polizia ha detto di essere rimasto chiuso dentro: “Ma non volevo creare allarmismi. Così ho passato la notte qui”. La notizia è stata pubblicata dal Corriere della Sera e dal Giorno.

Il ragazzo si trovava in bagno durante gli ultimi controlli degli addetti alla sicurezza prima della chiusura, una volta uscito si sarebbe accorto di esser rimasto solo e chiuso dentro al monumento milanese. A quel punto si sarebbe limitato a telefonare al padre, senza menzionare la sua situazione, per poi trovare uno spazio tra le guglie del Duomo e addormentarsi. All’indomani è stato trovato con grande sorpresa dagli operai, che hanno avvisato le forze dell’ordine.

Il giovane è stato ascoltato a lungo dalla polizia, alla quale ha dichiarato di essere un appassionato d’arte, arrivato a Milano per scoprire le sue bellezze. La versione è stata confermata dagli inquirenti, che hanno trovato tutti i riscontri al racconto del ragazzo: i biglietti del viaggio, la prenotazione in albergo e il cellulare senza alcun contatto sospetto al suo interno. Sullo smartphone sono state ritrovate invece numerose foto di monumenti famosi. “L’intrusione”, questa volta innocua, mette in luce qualche falla nel sistema di sicurezza.