Democratica, renziana, cozzoliniana. La sintesi del ritratto politico di Anna Ulleto, la candidata Pd al consiglio comunale di Napoli indagata per associazione a delinquere finalizzata al voto di scambio, è tutta qui. Appare sulla scena alle Regionali campane del 2015. Si candida in lista dem a sostegno di Vincenzo De Luca ed ottiene un ottimo risultato, 7714 preferenze. Non sufficienti però per essere eletta. Un’esperienza che le è tornata utile per riproporsi alle recenti comunali, dove salvo clamorose sorprese, grazie ai 2263 voti conquistati verrà eletta nell’aula di Palazzo San Giacomo. Elezione certa in caso di vittoria di Luigi de Magistris, condizionata invece alle dimissioni di Valeria Valente (deputata, valuterà “non da sola”, ha detto in conferenza stampa, se mantenere o meno il doppio incarico), se a prevalere dovesse essere Gianni Lettieri.

Ulleto, 46 anni, compagna di un imprenditore, è iscritta al circolo dem di Barra ed anima importanti iniziative nel mondo del sociale. E’ vicepresidente della Onlus “Mondo Nuovo” e coordinatrice delle opere di gestione del Banco delle Opere di Carità per famiglie indigenti. Rivendica nei curriculum allegati alle candidature di aver “imparato ad organizzare in modo professionale le scelte di metodo per poter ‘leggere’ un’organizzazione alla luce di vari elementi di riferimento”.

Nelle elezioni di Napoli la Ulleto è stata accompagna politicamente ed elettoralmente dall’europarlamentare ed ex assessore regionale Andrea Cozzolino, uno dei leader campani di “Rifare l’Italia”, la corrente Pd dei Giovani Turchi di Matteo Orfini, Valeria Valente e del ministro della Giustizia Andrea Orlando. Le pagine social della signora Ulleto sono piene di foto insieme a Cozzolino durante iniziative e convegni. Il 24 aprile con l’apertura di un comitato elettorale a Barra in via Domenico Minichino, Ulleto aprì la campagna elettorale insieme a Valente e Antonio Borriello, il consigliere diventato famoso durante le primarie per essere stato ripreso di nascosto da Fanpage mentre regalava qualche euro agli elettori in prossimità dei seggi. Borriello, in carica da due consiliature, non ce l’ha fatta. La Ulleto forse sì. Circola anche una immagine di campagna elettorale di Ulleto con Graziano Delrio. Il ministro di Renzi venne a Barra per un’iniziativa con Valente, Ulleto era tra il pubblico e alla fine un militante li ritrasse insieme, sorridenti, per una foto ricordo.