Il prossimo 26 giugno a Bologna rinasce il Partito comunista italiano. Si chiamerà proprio così e avrà come logo il simbolo voluto da Palmiro Togliatti e disegnato da Renato Guttuso della falce e martello con la bandiera italiana in secondo piano. A 25 anni dal XX congresso di Rimini in cui un Achille Occhetto tra le lacrime calava il sipario su 70 anni di lotte, al circolo Arci di San Lazzaro di Savena, comune alle porte del capoluogo emiliano, il 24 giugno si terrà una assemblea nazionale che sancirà l’avvio del nuovo partito. Tuttavia il presidente dell’Associazione Berlinguer, titolare dei diritti di quello che fu il simbolo e di tutta l’eredità del Pci, contattato da ilfattoquotidiano.it, ha spiegato di non sapere niente di questa vicenda.

Ma andiamo con ordine. Dietro l’operazione per la ricostruzione del Pci c’è l’intero gruppo dirigente del Partito comunista d’Italia (in pratica i Comunisti italiani che furono di Cossutta e Diliberto), ma anche molti appartenenti a Rifondazione comunista, alla Cgil, al mondo della cultura, dello spettacolo. Tutto nasce nel 2014 quando 100 persone firmano un manifesto: “Di fronte alla crisi strutturale e sistemica del capitalismo” si legge nel documento, “a fronte dell’involuzione neo-centrista del Partito democratico, che sta portando l’Italia verso il modello americano e sta distruggendo le fondamenta della Costituzione repubblicana e antifascista, è ancora più urgente dare corpo ad una presenza unitaria della sinistra”. Tra i firmatari di quel documento c’erano anche il filosofo Gianni Vattimo, il cantante del Teatro degli orrori Pierpaolo Capovilla e la band romana della Banda Bassotti.

Per l’Assemblea nazionale delle prossime settimane la scelta di Bologna non è casuale. Proprio al quartiere della Bolognina, nel novembre 1989 Achille Occhetto aprì alla svolta annunciando che il partito nato a Livorno nel 1921 non avrebbe dovuto “continuare su vecchie strade ma inventarne di nuove”. Parole che lasciarono di stucco l’immenso popolo dei comunisti italiani, che ancora non si erano ripresi dalla morte di Enrico Berlinguer. Da allora la falce e martello aveva continuato a campeggiare come simbolo di diversi partiti, ma sempre un po’ diversa da quella originale, i cui diritti sono sempre rimasti in mano al Pds prima e ai Ds poi.

Rifondazione comunista fin dal 1991 utilizzerà il simbolo, ma sempre in forme diverse rispetto a quella che fu del Pci. Nel 1999 con la nascita dei Comunisti italiani guidati da Cossutta e Diliberto, il loro partito adottò una bandiera molto simile a quella che fu del Pci. Ora però oltre al simbolo identico a quello storico che campeggiava a Botteghe Oscure (sembra cambiare solo un dettaglio: il colore delle aste delle bandiere, scuro invece che chiaro) ricompare anche il nome. Il font del carattere è diverso, le lettere non sono puntate, ma per la prima volta dal 1991 si legge Pci. C’è poco da sbagliarsi.

Intanto però il senatore Pd Ugo Sposetti – presidente della Associazione Berlinguer che ha ereditato dai Ds i diritti del simbolo storico del Pci – contattato da ilfattoquotidiano.it, spiega di non sapere niente della ricostituzione di un nuovo Pci: “Se quando il loro simbolo verrà registrato sarà identico al nostro, faremo quello che dovremo fare. Purtroppo – spiega Sposetti, che è stato anche l’ultimo tesoriere dei Democratici di sinistra – se c’è qualche variazione sul simbolo non gli puoi dire nulla”. Poi chiarisce che il problema riguarderebbe solo il logo: “Il fatto che si chiami Pci non c’entra nulla, c’entra soprattutto il simbolo”.