Un “colpo di Stato” turba l’equilibrio di Seborga, autoproclamato Principato ligure alle spalle di Bordighera, dove un uomo da giorni sta rivendicando il diritto a governare. Una vicenda particolare che sta mettendo a rischio il quieto vivere del piccolo borgo ligure e dei suoi 320 abitanti, che hanno eletto il loro principe nel 2010. Il paesino ha però anche un sindaco, Enrico Ilariuzzi, eletto nel 2011, un vicesindaco e un’intera giunta, uniche autorità ad essere riconosciute dallo Stato italiano. Nonostante ciò adesso un cittadino francese ha gettato Seborga nel caos, costringendo il principe eletto Marcello I a rientrare di corsa dal suo viaggio istituzionale a Dubai. Tutto è successo quando Nicolas Mutte si è presentato come Nicolas 1er, vero Principe del piccolo comune: il “golpe” ha scatenato una babele nel paesino in provincia di Imperia, diventato di colpo terreno di scontro per la corona e governato adesso da due principi. Dopo l’autoproclamazione, infatti Nicolas 1er ha iniziato a svolgere tutte le funzioni di competenza del sovrano, organizzando incontri diplomatici, conferendo la cittadinanza per merito e nominando consoli e altri funzionari del Principato.

L’uomo ha poi creato un sito parallelo a quello ufficiale, principautedeseborga.com, tutto rigorosamente in francese, dove è stata pubblicata anche la lista dei ministri e segretari di Stato, anch’essi d’oltralpe, insieme a una copia della costituzione, datata 22 febbraio 2016, e alla descrizione della nuova politica del Principato, accanto alle informazioni turistiche e storiche del borgo. Il principe ha poi pubblicato un video messaggio in francese, rivolto a tutti i “Séborgiens et seborgiennes”, nel quale si impegna a battersi per ottenere l’indipendenza del Principato e dare prosperità agli abitanti. Dietro al complotto ci sarebbe un cittadino di Seborga, Marcel Mentil, collaboratore di vecchia data del Principato, al quale è stata immediatamente revocata la cittadinanza, così come ai suoi familiari e collaboratori.

Communiqué du Prince adressé aux seborgiens from Principauté de Seborga on Vimeo.

Immediata la reazione del Principato che ha inviato una diffida formale al “principe” Nicolas 1er e a tutti i suoi collaboratori, invitandoli a non usare loghi e diciture del “Principato che sono protetti dalla legislazione internazionale sui marchi e a mettere offline il sito entro sette giorni”. “Queste persone fanno sul serio. Occorre che reagiate compatti e con decisione e se possibile in fretta” ha detto la principessa Nina, moglie del Principe eletto Marcello I, in attesa dell’arrivo del marito. Sul sito del Principato è poi stato pubblicato un comunicato nel quale si sottolinea che “non può esservi Principe di Seborga, dunque, che non sia legittimamente eletto dai Seborghini, i quali rifiutano unanimi con convinzione e fermezza tutti coloro che mostrano interesse verso il Principato con il solo fine di sfruttare un titolo per perseguire meri interessi personali“. A Seborga adesso tutti attendono il ritorno del Principe eletto, che incontrerà i Consiglieri della Corona e i Priori per prendere le iniziative più opportune.

Il piccolo comune ligure ha rivendicato la sua indipendenza negli anni ’50, in virtù di un presunto antico status di Principato di cui avrebbe anticamente goduto: per questo il comune ha ritenuto non valida l’annessione al regno di Sardegna. I cittadini eleggono quindi un principe con funzioni prettamente simboliche, coadiuvato da un consiglio di 9 ministri, privi di qualsiasi potere legale. Il principato possiede anche una propria moneta, anch’essa priva di valore legale, chiamata Luigino, dal valore pari a sei dollari statunitensi.