Licenziato perché nel programma da lui curato si sono verificati troppi errori, a cominciare dal countdown anticipato per finire con le bestemmie in diretta. E’ finito così il rapporto di lavoro tra Viale Mazzini e Antonio Azzalini, dirigente responsabile del programma L’anno che verrà andato in onda da Matera a Capodanno. Una decisione arrivata a neanche un mese di distanza dall’accaduto e dopo un’inchiesta interna condotta dalla Rai. Che ha diramato una nota ufficiale per comunicare il licenziamento: “Gli elementi complessivamente emersi nel corso dell’istruttoria hanno confermato per l’accaduto la piena responsabilità del dirigente, la cui difesa si è basata su argomentazioni non veritiere e ulteriormente lesive dell’immagine dell’azienda che, a differenza di quanto da lui affermato, non ha mai attuato la prassi di anticipo dell’orario di Capodanno“.

Nel prosieguo della nota, poi, Viale Mazzini ha ripercorso quanto accaduto dal 31 dicembre a oggi. “Dai risultati dell’indagine interna condotta dal direttore del Personale Valerio Fiorespino – ha aggiunto la Rai – è emerso che l’anticipo è stato autonomamente deciso dal capostruttura di Raiuno Antonio Azzalini, responsabile editoriale del programma, presente in loco a Matera, a carico del quale è stato aperto un procedimento disciplinare“. Il dirigente in questione ha chiesto di essere ascoltato e la settimana scorsa ha fornito la sua versione dei fatti, non convincendo chi di dovere e, stando a quanto scritto da Viale Mazzini, peggiorando la propria posizione. Per questo motivo “al termine di un’attenta riflessione – è la conclusione della nota di Viale Mazzini – Rai ha deciso di procedere alla risoluzione del rapporto di lavoro con il dottor Azzalini”.

Che, però, ha preferito non tacere ed è passato al contrattacco. Il capostruttura, infatti, impugnerà in sede giudiziaria il licenziamento comunicatogli dalla Rai: “Ho dato mandato agli avvocati Domenico D’Amati e Giorgio Assumma di predisporre ogni opportuna iniziativa per la tutela dei miei diritti, con riferimento ai vizi formali e sostanziali ed alle finalità del provvedimento. Al magistrato – ha spiegato in una nota – sarà chiesto tra l’altro di acquisire i documenti aziendali che sono stati negati alla difesa in occasione del procedimento disciplinare”.