Meglio iniziare a familiarizzare con il nome Niro: il nuovo modello della Kia, atteso nella versione definitiva nel corso del 2016, sembra avere tutte le carte in regola per dire la sua sul mercato globale. Innanzitutto è una Suv compatta, di quelle che piacciono un po’ ovunque nel mondo. E poi è ibrida: grazie al doppio motore benzina-elettrico riesce a connettere le emissioni di CO2 (calcolate sul ciclo Nedc) sotto i 90 g/km, il che si traduce in un consumo omologato inferiore ai 4 litri ogni 100 km.

Il cuore della Niro è composto dal 1.6 GDI a iniezione diretta di benzina combinato a un motore elettrico da 32 kW (collegato all’occorrenza alle ruote posteriori), a un cambio automatico a doppia frizione a 6 marce e a una batteria da 1,56 kWh. Successivamente, sarà presentata un’evoluzione plug-in della Niro, con batteria più “capiente” ricaricabile anche direttamente dalla rete elettrica. Il nuovo modello è sviluppato sulla nuova architettura ibrida su cui nascerà anche la Hyundai Ioniq; disegnato in concerto dai centri stile Kia in California e Corea, sarà prodotto nello stabilimento di Hwasung, in Corea.

In alto, i bozzetti della nuova Kia Niro. Qui sotto, un prototipo camuffato effettua i test su strada

Kia Niro prototipo