Sinisa Mihajlovic non è soddisfatto del gioco espresso dal Milan nella vittoria nel terzo turno di Coppa Italia contro il Perugia (2-0). Il tecnico rossonero, oltre a essere rabbuiato per i fischi a Cerci, non ha digerito l’atteggiamento della squadra nella seconda parte di gara. E in tanti hanno visto una coincidenza tra il rilassamento della squadra e l’ingresso in campo di Jeremy Menez. Il francese, al quale Pippo Inzaghi lo scorso anno aveva di fatto consegnato le chiavi della squadra, complice anche un lungo infortunio sembra ai margini del gruppo e dovrà conquistarsi la fiducia del tecnico.

E l’allenatore rossonero, a questo proposito, preferisce essere chiaro fin da subito: “Menez se vorrà giocare trequartista o seconda punta dovrà fare quello che gli sarà chiesto”, le sue parole dopo Milan-Perugia. Un avvertimento nemmeno troppo velato: o ci si mette al servizio dei compagni, oppure si finisce in panchina. O addirittura sul mercato: gli ultimi giorni, infatti, potrebbero regalare qualche clamoroso scossone.

Menez, esterno di ruolo, non sembra avere un inquadramento preciso nello scacchiere milanista e potrebbe essere ceduto dalla società, in cerca di realizzare un’importante plusvalenza: lo scorso anno i rossoneri lo presero a parametro zero dal Paris Saint Germain.