Wi-fi e accesso libero alla Rete per tutti, ma non per i bambini. I Cinque stelle a Reggio Emilia hanno presentato una mozione per eliminare l’utilizzo del wi-fi nelle scuole per tutelare la salute degli alunni. La maggioranza Pd-Sel in consiglio comunale, però, l’ha bocciata a favore di una politica di contrasto al digital divide e del progresso nella didattica. Una dinamica che sembrerebbe in controtendenza rispetto al ruolo che vede da sempre il M5S, nato dalla Rete, impegnato nella diffusione dell’utilizzo di internet, ma che in realtà, spiegano i consiglieri reggiani, ha l’obiettivo fondamentale di salvaguardare la salute dei più piccoli: “Noi proponiamo un uso consapevole di internet, ma questo in alcuni ambienti può avvenire anche via cavo e non con il wi-fi, che provoca inquinamento da onde radio – spiega il capogruppo Cinque stelle Norberto Vaccari – A differenza degli adulti, le cellule dei bambini sono in fase di sviluppo e quindi maggiormente sottoposte alle possibili influenze dei campi elettromagnetici”.

Il principio su cui si basa la richiesta del M5S è quello della precauzione, supportato dai dati di alcune ricerche che dimostrerebbero i rischi da esposizione alle radiofrequenze. Un principio richiamato anche dal Consiglio d’Europa, che per i bambini raccomanda connessioni internet cablate, e da vari paesi europei e comuni italiani, che hanno eliminato il wi-fi dagli istituti scolastici per tornare ai sistemi via cavo. A Reggio Emilia la proposta dei Cinque stelle puntava a togliere il wi-fi da scuole per l’infanzia, nidi comunali, scuole di primo e secondo grado per evitare che gli studenti fossero sottoposti alle onde elettromagnetiche dei dispositivi, offrendo come alternativa la cablatura della rete internet per i punti di accesso necessario, e suggerendo anche la predisposizione di un’adeguata cartellonistica informativa nei luoghi pubblici, come uffici o biblioteche, in cui non fosse possibile estendere la mozione.

“L’essere membri di un movimento nato su internet non vuol dire essere contro le tecnologie e lo sviluppo” hanno spiegato i Cinque stelle. Il loro documento però è stato condiviso soltanto dalla minoranza, mentre il Pd si è espresso contrariamente, proponendo a sua volta un ordine del giorno in cui si impegna a monitorare gli impianti wi-fi, senza però compiere alcun passo verso l’abbattimento della rete a onde radio nelle scuole comunali. Eppure, come fatto notare dalla consigliera M5S Alessandra Guatteri, prima firmataria della mozione, il pensiero sull’argomento nel Partito democratico non è così unanime.

Proprio lo scorso 10 febbraio la deputata Pd Antonella Incerti aveva espresso la stessa preoccupazione a proposito dei rischi connessi all’utilizzo del wi-fi nelle scuole con un’interrogazione in Parlamento, chiedendo ai ministri se non ritenessero “opportuno avviare l’utilizzo di diverse modalità, oltre al wi-fi”. Di qui l’attacco alla scelta del Pd della città emiliana: “I progetti connessi all’estensione del wi-fi nelle scuole ci sono e non possono essere fermati. Poco importa se esiste un ragionevole e argomentato dubbio che questo possa provocare danni alla salute dei nostri figli – ha continuato Guatteri – In altri paesi gli amministratori pubblici si sono assunti la responsabilità di fermare l’installazione di impianti wi-fi in scuole e luoghi pubblici, ma a Reggio Emilia la discussione è stata stroncata dalla solita sicurezza del Pd, che non ammette inciampi nel percorso che ha definito”.