Beppe Grillo, Gianroberto Casaleggio e la più giovane attivista d’Italia del Movimento 5 Stelle. E’ questa la delegazione che il 26 febbraio incontrerà Sergio Mattarella al Quirinale per parlare delle difficoltà dell’opposizione in Parlamento e “dei problemi dell’Italia”. Non ci sarà il vicepresidente della Camera e membro del direttorio Luigi Di Maio: inizialmente era lui a essere iscritto nell’elenco per la visita al Colle, ma la scelta dello staff aveva creato qualche malumore interno. Oggi la decisione che a vedere il presidente della Repubblica saranno solamente i leader M5S insieme a una ragazza siciliana di 18 anni.

“Voglio ringraziare il presidente”, si legge sul blog di Beppe Grillo, “per l’incontro che gli avevo chiesto con una lettera di auguri per il suo settennato e anche per aver accettato di far partecipare insieme a me e a Gianroberto Casaleggio, la più giovane iscritta al M5S in rappresentanza di iscritti e attivisti di tutta Italia. Grazie presidente e a domani”. Il capogruppo al Senato Andrea Cioffi smentisce che ci sia una qualsiasi polemica interna per la formazione della delegazione. “Saliremo al Colle”, ha scritto su Facebook. “Non è importante chi ci va ma quello di cui parleremo con il Presidente per il bene del Paese”.