Spunta il Paolo Scaroni trust nell’inchiesta della procura di Milano sul presunto pagamento da parte di Saipem (società del gruppo Eni) di tangenti per 198 milioni di euro in Algeria al ministro algerino dell’energia Chekib Khelil e al suo entourage, per ottenere otto grandi appalti petroliferi del valore complessivo di 11 miliardi di euro. I pm titolari del fascicolo hanno avviato accertamenti sul trust che vede come beneficiario l’ex ad dell’Eni, Paolo Scaroni, la moglie e i loro discendenti, in particolare con una rogatoria in Svizzera. L’ex top manager in questa inchiesta è indagato per corruzione internazionale. Stesso reato contestato nella più recente inchiesta della Procura di Milano che invece riguarda presunte mazzette versate per l’acquisizione di un giacimento petrolifero in Nigeria in cui è indagato l’attuale amministratore Claudio Descalzi. 

Obiettivo dei pm milanesi è ricostruire l‘origine di tutti i flussi di denaro in entrata del trust. Sono state quindi avviate, oltre alla rogatoria in Svizzera riguardante il Paolo Scaroni Trust, anche in Lussemburgo, Abu Dhabi, Algeria, Francia, Hong Kong, Singapore e quella considerata più importante ai fini dell’inchiesta, in Libano. Gli inquirenti vogliono tracciare gli spostamenti dei soldi pagati da Saipem alla Pearl Partners, basata a Hong Kong e controllata da Farid Bedjaoui, uomo di fiducia del ministro Khelil e intermediario tra gli algerini e i manager Saipem.

In questa inchiesta, oltre a Scaroni, sono indagati per corruzione internazionale l’ex amministratore delegato di Saipem Franco Tali, l’ex direttore operativo Pietro Varone (arrestato nell’estate del 2013), l’allora direttore finanziario Alessandro Bernini, l’allora direttore generale per l’Algeria Tullio Orsi e quello che all’epoca dei fatti era responsabile Eni per il Nordafrica Antonio Vella. L’ipotesi della Procura di Milano è che una parte della ipotizzata bustarella multimilionaria pagata nel paese nordafricano sia poi rientrata in Italia per finire nelle tasche dei manager del gruppo petrolifero. Per quanto riguarda il Paolo Scaroni Trust, stando agli atti dell’assemblea degli azionisti 2013 di Eni, risulta costituito nel 1996, contestualmente al trasferimento di Scaroni in Gran Bretagna per ricoprire la carica di amministratore delegato della Pilkington. Secondo l’ex numero uno del cane a sei zampe, il trust è servito per amministrare e raccogliere quanto guadagnato all’estero. Di sicuro, agli atti dell’inchiesta della procura di Milano c’è che – come risulta da documentazione della Banca d’Italia che ha ispezionato la Camperio Sim, di cui il trust era cliente – al momento del rimpatrio in Italia della maggior parte dei fondi del trust, il suo valore era di circa 13 milioni di euro e che oltre 11 milioni furono scudati (al lordo dell’imposta del 5%) con lo scudo fiscale ter.

La maggior parte degli 11 milioni scudati sono stati poi reinvestiti nella Immobiliare Cortina srl, che al momento dell’ispezione di Palazzo Koch risulta al 100% di Paolo Scaroni. Il trust fu costituito quindi nella seconda metà degli anni Novanta con sede nell’isola Guernsey, una delle isole della Manica e aveva un trustee con sede nella stessa località. Il compito di trustee (ovvero il gestore del trust, ndr) nel 2006 passò a un altro trustee, con sede negli Stati Uniti, fino ad arrivare all’attuale situazione per cui il Paolo Scaroni Trust ha due trustee, uno è la Camperio Legal and Fiduciary Service con sede in Virginia negli Stati Uniti e uno è la Severgnini Family Office con sede a Milano in via Camperio. Il trust risulta avere anche due protector: Rolando Benedick e Oreste Severgnini. 

Tornando agli atti dell’assemblea 2013 di Eni, in quella occasione, rispondendo alla domanda di un azionista, si specifica che “il Trust non ha mantenuto alcun collegamento con l’isola di Guernsey salvo la legge applicabile, in accordo con la convenzione dell’Aja” e che “data la presenza del co-trustee italiano, il Paolo Scaroni Trust è fiscalmente totalmente residente in Italia e adempie a tutti i relativi obblighi fiscali e dichiarativi in totale trasparenza”.