La frase è stata postata da Roberto Bussinello sul suo profilo Facebook poche ore dopo la morte venerdì dell’ex capitano delle SS Erik Priebke, condannato all’ergastolo per aver partecipato all’uccisione di 335 persone alle Fosse Ardeatine. In un batter d’occhio 144 nostalgici neonazisti italiani hanno votato sul profilo di Bussinello a favore con “Mi piace”, conditi con una serie di commenti.

Roberto Bussinelli è un avvocato di Verona, leader di una delle formazioni di destra fascista, come si dice noto alle cronache, e da qualche mese è diventato uomo di Flavio Tosi. Il sindaco di Verona lo ha infatti nominato nell’organismo di vigilanza di Agsm Distribuzione, l’Azienda comunale dell’energia elettrica e gas. Bussinelli è un nostalgico dell’Msi e della Destra Nazionale e sul suo profilo compaiono i cartelli con il simbolo della Fiamma tricolore e un giovane con il megafono in mano. Sul cartello alle sue spalle la protesta per attacchi portati al Fronte della Gioventù. Bussinelli è il leader della destra mussoliniana veronese, a cui Tosi sembra rivolgesi. Da decenni Bussinello è il leader dell’ultra destra della città scaligera: consigliere comunale dell’Msi dall’85 al ’90, in quegli anni si è scontrato con Tosi. E’ stato candidato alle provinciali anche da Alessandra Mussolini e alle comunali si è candidato per Forza Nuova, per poi approdare alla Destra di Francesco Storace. Ma alle elezioni dello scorso anno, Bussinello ha appoggiato l’elezione dell’attuale capogruppo della lista Tosi, Massimo Piubello. Oltre alla destra la sua grande passione è l’Hellas Verona, dove tifosi si sono resi protagonisti di episodi razzisti e frasi inneggianti al fascismo.

Se a Roma è comparsa la scritta “Onore a Priebke” e la svastica e l’Argentina rifiuta di dare sepoltura, sul profilo dell’avvocato si trovano decine di commenti, il via lo da proprio Bussinello che fa gli onori all’ex capitano nazista così: “Capitano ora sei per sempre con i tuoi guerrieri nei Campi Elisi. Nobis mio Capitano”. Gli fa eco il commento di un altro neonazista: “Giuste parole Roberto”. I “Mi piace” si sprecano e così i saluti in onore del capitano, ma già al compleanno per il secolo di Priebke su Facebook erano postati opinioni demenziali: “Semplicemente una vergogna (mi riferisco ai processi farsa e alle contestazioni ovviamente), firmato S.M., F.C gli fa semplicemente “auguri, Capitano!!!!”. Stessa ideologia, stessi simboli di chi si è reso colpevole di milioni di morti. Una fede induscussa nell’alleanza nera.