Skip to content


Sei in: Il Fatto Quotidiano > Cronaca > Suicidi nelle M...

Suicidi nelle Marche, Boldrini contestata ai funerali di Civitanova

"Faceva meglio a non venire" è lo sfogo della sorella di Romeo Dionisi. "Non ce la facciamo più" grida la folla. Il presidente della Camera andrà all'obitorio per incontrare i familiari delle vittime

Laura Boldrini

Omicidio di Stato“, “Omicidio della politica”, “Ladri“,  e “neanche gli animali sono trattati così”. La tensione era alta nella Chiesa di San Pietro e Paolo di Civitanova Marche all’arrivo dei feretri dei tre anziani che si sono suicidati per gravi motivi economici. E, quando le porte della Chiesa si sono chiuse, chi è rimasto all’esterno ha continuato a gridare  ”assassini” e frasi come “non è vero che non hanno chiesto aiuto, non glielo hanno dato“.

E al suo arrivo nella cittadina marchigiana la presidente della Camera è stata contestata. “Faceva meglio a non venire”, è lo sfogo che accoglie Laura Boldrini, giunta per partecipare ai funerali. 

 ”Non ce la facciamo più – è l’urlo della folla – non c’è futuro per i giovani”. Davanti al Comune, dove era in corso una riunione aperta per i coniugi morti, le grida erano alte. Laura Boldrini, però, si è difesa: “Ci tenevo ad essere qui, è una tragedia immensa“.

”Bisogna dare più misure di protezione sociale in un momento in cui la crisi è pesante” è l’appello lanciato dalla presidente della Camera, che ha definito il triplice suicidio “una tragedia che ha sconvolto il Paese”.  “C’è una cosa su cui dobbiamo riflettere: il senso di vergogna a chiedere aiuto – ha denunciato Laura Boldrini – è come se oggi nel nostro Paese non avere abbastanza soldi significhi essere una persona indegna”. L’invito è quello a “rivedere la scala dei valori”.

 ”Il primo dovere delle istituzioni è esserci, ‘metterci la faccia, tanto più nei momenti duri. Sarebbe troppo comodo – e per quanto mi riguarda inaccettabile – scegliere di essere presenti soltanto dove è garantito l’applauso”, ha  poi affermato rispondendo  alle contestazioni.  ”Non mi sono accorta di alcuna contestazione, né all’ingresso, né all’uscita dal Comune di Civitanova”, ha concluso la presidente della Camera.

Prima della cerimonia la presidente della Camera ha visto il sindaco Tommaso Claudio Corvatta, e poi si è recata nell’obitorio per incontrare i familiari delle vittime, dove ha dialogato a lungo con due sorelle delle vittime e il nipote Sergio. All’uscita Laura Boldrini  è stata accolta da qualche applauso e da qualche “brava”.


Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo thread. Ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 22 alle 7 e che il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500. E' necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic. Per alcuni giorni, a causa di ragioni tecniche, tutti commenti andranno in pre moderazione. Inoltre, chi posterà più volte lo stesso commento (anche se con parole diverse) verrà segnalato. Ti avvisiamo che verranno pubblicati solo i commenti provenienti da utenti registrati. La Redazione