Dopo il lago di Como, Marcello Dell’Utri lascia anche il centro di Milano: la biblioteca di via Senato, che con la Fondazione l’ex manager Publitalia presiede dal 1997, è costretta a trasferirsi a Segrate, in un anonimo centro polifunzionale. Oltre 120mila libri rari a giorni saranno portati via: non ci sono più fondi per mantenere la bellissima palazzina con giardino interno. “L’affitto non è più compatibile”, ha ammesso con rammarico. Tradotto: sono finiti i soldi. E il munifico amico di sempre, Silvio Berlusconi ha chiuso i rubinetti. L’addio è sofferto, quasi drammatico. Dell’Utri è costretto ad abbandonare l’immagine di bibliofilo colto ed esperto che ha tentato di cucirsi addosso e che gli aveva permesso di compiere il salto dallo stalliere mafioso Vittorio Mangano a Umberto Eco. Uno degli attori principali della presunta trattativa tra Stato e mafia è infatti vicepresidente dell’Aldus Club, l’associazione internazionale di bibliofilia presieduta da Eco. Vice con Dell’Utri è l’ex ministro ed esponente del Pci Gianni Cervetti, mentre il segretario generale è Mario Scognamiglio.

Una genesi incompiuta quella di Dell’Utri. Perché nel bellissimo cortile interno di via Senato, tra presentazioni di libri e pièce teatrali, è proseguito il passaggio di mafiosi di vario rango. Nell’ottobre 1998 la Dia seguì fin qui Natale Sartori, socio della figlia di Mangano in una cooperativa di pulizie e pedinato per un’indagine per droga. Anche il medico decisamente mafioso Salvatore Aragona raccontò di essere passato dal civico 14 di via Senato. “Sono stato invitato al circolo, la sede culturale e intellettuale di Dell’Utri in via Senato” disse nel maggio 2001 parlando al telefono con Giuseppe Guttadauro, il boss di Brancaccio. E “con Dell’Utri bisogna parlare”, “alle elezioni del ‘99 ha preso impegni” con il boss Gioacchino Capizzi, ma “poi non s’è fatto più vedere”. Gli impegni bibliofili si facevano stringenti, i libri di cui valutare l’acquisto diventavano sempre più importanti. In quegli anni il senatore acquista una lettera di Cristoforo Colombo: la rivenderà nel maggio 2009 per 659mila euro all’amico Marino Massimo De Caro. Un altro esperto del ramo. Commerciante di libri antichi, collaboratoredell’ex ministro Giancarlo Galan, un passato da console del Congo e un presente in carcere: ha rubato migliaia di volumi pregiati dalla biblioteca Girolamini di Napoli che ha diretto fino all’arresto, lo scorso maggio.

Irrisolto, invece, il furto avvenuto nel 2002 alla collezione Scognamiglio. “È stata una profanazione”, disse. La libreria di via Rovello, frequentata da Eco, Giulio Andreotti, Oliviero Di-liberto, Cervetti, Gianfranco Dio-guardi e Dell’Utri ha visto i natali dell’Aldus Club, ma anche sottrarsi 300 tomi rari collezionati e gelosamente custoditi da Scognamiglio che si è poi dedicato alle collezioni altrui. Aiutando Dell’Utri a crearsene una sua. Ma il senatore non ne ha mai seguito i consigli, non si fidava.

Quando nel 2007 il cofondatore di Forza Italia decise di comprare i diari di Mussolini, Scognamiglio lo sconsigliò. Dell’Utri non sentì ragioni e pagò 12 milioni, certo che fossero originali. Si è dovuto ricredere: tutte le perizie calligrafiche effettuate su quei diari accertano che sono falsi. L’ultima perizia, conclusa appena tre settimane fa, certifica che l’autore in realtà è Amalia Panvini, una signora di Vercelli già condannata con la madre Rosetta per aver prodotto testi falsi di Mussolini spacciati come autografi.

L’essere caduto in errore non ha scalfito la sicurezza di Dell’Utri che ha continuato a comprare libri in giro per il mondo, dall’America alla Francia. Nell’ottobre 2007 acquista un volume per 7.000 euro sull’arte islamica all’International general rare books. Dieci giorni dopo, altri 7.000 euro alla Librairie des amateurs di Parigi. Nel febbraio 2008 firma un assegno da 9.500 euro a Montepulciano. Una settimana dopo 5.000 a Modena. La passione è incontenibile. Infinito il conto corrente aperto presso il Credito Cooperativo Fiorentino presieduto dall’amico e collega di partito Denis Verdini. Il deposito di Dell’Utri già nel 2006 era esposto per due milioni. A coprire i buchi interveniva Berlusconi e nei momenti di emergenza era la banca a foraggiare il senatore, permettendo aperture di credito senza garanzie, esclusa la villa di Torno ipotecata fino al terzo grado. Così i libri divennero garanzie.

Quando nel febbraio 2010 Dell’Utri chiede l’ennesima proroga al fido per 400mila euro, il cda dell’istituto la concede perché “il senatore è uno dei maggiori collezionisti al mondo (ci viene detto) di libri antichi. La collezione dovrebbe avere un valore di alcuni milioni”. E garantiscono: “Il senatore ha intenzione di vendere qualche libro”. Lui invece compra. L’ultimo acquisto risale al 29 marzo: 17mila euro per 17 volantini delle Brigate rosse stampati negli anni Settanta. Ma i liquidi nel frattempo erano arrivati dall’amico Silvio che l’8 marzo aveva acquistato la villa sul lago di Como per 20 milioni.

L’amico di Arcore aiuta anche la fondazione di via Senato. Gli sponsor ufficiali sono da sempre quattro: Mediaset, Mondadori, Mediolanum e Publitalia 80. Manca solo il Milan, ma certo, avrà pensato Dell’Utri, una squadra di calcio non può finanziare iniziative culturali. Eppure anche l’esperienza della biblioteca è destinata a finire. Al civico 14 della centralissima via Senato rimarrà l’abitazione di Dell’Utri, che qui vive con i figli Araga e Marco Jacopo Alessandro e la moglie Miranda Ratti. I 120mila volumi andranno a Segrate, non ci sono più fondi per l’affitto. Silvio ormai ha saldato. L’amico Verdini non ha più una banca e la Procura continua a indagare scoprendo, ad esempio, che il senatore ha 70 conti correnti all’estero. Ma va dato atto a Dell’Utri di essere riuscito a far dire di sé che è un uomo colto. Come scrisse Montanelli: “Dell’Utri è un uomo colto, soprattutto sul fatto”.

Il Fatto Quotidiano, 8 settembre 2012