Che l’Iran possegga armi nucleari “è inaccettabile”. Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti Barack Obama, in occasione dell’incontro con il premier israeliano Benjamin Netanyahu. Gli Stati Uniti “mantengono tutte le opzioni aperte” per risolvere la questione, ha affermato Obama, che comunque ha esortato a lasciare più tempo alla diplomazia.

Il presidente americano sta tentando di scongiurare in ogni modo un attacco preventivo israeliano contro le installazioni nucleari iraniane prima delle presidenziali del 6 novembre.

In una breve dichiarazione alla stampa prima del colloquio con Netanyahu, Obama ha dichiarato: “Tutti noi sappiamo che è inaccettabile nella prospettiva israeliana” un Iran con l’atomica, e che con la “stessa intensità” gli Stati Uniti hanno interesse a “evitare” che armi nucleari finiscano in mano a un regime “che è stato sponsor del terrorismo”. Il presidente ha affermato di credere “che vi sia ancora spazio per la soluzione diplomatica, ma il regime iraniano deve andare in questa direzione, cosa che ancora non abbiamo visto fare”. Obama ha poi ricordato che contro Teheran sono state varate le sanzioni più drastiche mai varate finora.

Netanyahu, ricevuto alla Casa Bianca, ha ribadito che Israele e Stati Uniti sono dalla stessa parte nella gestione della minaccia rappresentata dal programma nucleare iraniano. Allo stesso tempo il premier ha ribadito che Israele deve restare “padrone del proprio destino” ed essere in grado di difendersi “da sola”. “Il mio impegno per Israele è solido come una roccia”, ha aggiunto il presidente Obama.

Il portavoce della Casa Bianca ha annunciato per domani pomeriggio una conferenza stampa di Barack Obama.