A Napoli, il voto amministrativo si chiude tra le polemiche. I rappresentanti dei partiti denunciano il clima di tensione nei quartieri più a rischio di infiltrazione della Camorra. Davanti ad un seggio di Scampia le denunce di semplici cittadini sulle irregolarità nella campagna elettorale e il voto di scambio. La Polizia è vigile di fronte alle scuole, sedi di seggio, e cerca di garantire la regolarità del voto. Interviene quando vi sono i casi di segnalazioni di violazioni delle leggi. Alla Scuola Montali, un presidente di seggio ha sorpreso un cittadino a fotografare la scheda già compilata. Subito è scattata la denuncia. Il Pd regionale lancia l’allarme: “Quest’anno nei seggi si sta creando un problema: ci sono oltre che i rappresentanti di lista anche quelli dei candidati singoli. Questo – continua – comporta la presenza di oltre 20 persone in un seggio. I casi di liti sui voti saranno molteplici”. Il Comitato dell’Idv campano aggiunge: “Abbiamo segnalazioni di minacce, pressioni, compravendite di voti in zone come la Marianella, Secondigliano, Sanità, Bagnoli”.
Servizio di David Perluigi e Nello Trocchia, riprese e montaggio Paolo Dimalio