Ho finito solo ora di scrivere l’articolo di domani. Quanta paura. Quanti timori in quel paese dove nessuno vuole apparire con il suo nome. Posso anticiparvi due cose. La madre di Speranza (anche se questo non è il suo vero nome) ha scoperto la solidarietà. I genitori della scuola sono intervenuti loro, per pagare i buoni pasto.

Il sindaco – domani troverete il suo delirio sul giornale – ha provato a giustificarsi dicendo che “il padre è un noto estremista islamico” (chi lo conosce in paese si è messo a ridere). C’è il massimo della cattiveria e il massimo della bontà, in questo apologo. Ci avete offerto migliaia di euro, grazie. So che è tanto. Ma Perché non proviamo anche a tentare un altro miracolo? trovare un lavoro da operaio o da metalmeccanico nel Basso Piave. Vorrei che i fattisti veneti e tutti quelli che hanno amici e parenti si mobilitassero con lo stessa slancio di queste ore. Hope. Siamo la lobby dei senza lobby, dopotutto.

Leggi l’articolo – Il sindaco leghista ordina: “Non date da mangiare alla bambina”