“Sangue infetto, c’è la prova che arrivò dai detenuti Usa”

Processo - Esultano i legali delle vittime: acquisito dai giudici un estratto di un documentario sui traffici di plasma dalle carceri dell’Arkansas
“Sangue infetto, c’è la prova che arrivò dai detenuti Usa”

Il colpo di scena al processo per la strage del sangue infetto e degli emoderivati killer, che vede alla sbarra l’ex re Mida della sanità della Prima Repubblica Duilio Poggiolini e alcuni ex manager del gruppo Marcucci, avviene grazie a un regista statunitense dai capelli bianchi. Si chiama Kelly Duda ed è venuto apposta a […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.