Quelle pernacchie per Umberto di Savoia

Gruppo “Cremona” - Nel 1945 partigiani lo accolsero con un gigantesco brontolio: lì finì la monarchia
Quelle pernacchie per Umberto di Savoia

Una grande occasione per rimediare, in parte, alla figura vergognosa fatta con la fuga precipitosa a Pescara, il principe Umberto ce l’ha quando, avvicinandosi la liberazione del Piemonte, potrebbe far parte per qualche giorno dei partigiani monarchici, i “fazzoletti azzurri” di Enrico Martini detto “Mauri”, l’ufficiale degli alpini che ha creato una forza di 5 […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.