“Quando Riina disse che Cosa Nostra doveva stare con B.”

Trattativa Stato-mafia - In aula il pm Nino Di Matteo ricorda il pentito Cancemi e la riunione in cui fu ordinata la strage Borsellino
“Quando Riina disse che Cosa Nostra doveva stare con B.”

Le parole di Salvatore Cancemi su Berlusconi e Dell’Utri riecheggiano nell’aula della Corte di assise di Palermo per bocca del pm Antonino Di Matteo. Al processo sulla Trattativa tra Stato e mafia ieri la requisitoria è stata dedicata alla fase delicata che va da Capaci a via D’Amelio. Dopo l’uccisione di Giovanni Falcone, di Francesca […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.