» Italia
domenica 17/12/2017

Paolo Berlusconi, strani amici calabresi per il grande affare di Milano4

La festa allo Sporting degli Stilo, il sogno delle palazzine, la corsa per il Comune di Basiglio

Arriva Natale, a Milano 3 si festeggia. La serata è da non perdere. Donne in abiti lunghi, signori in giacca scura. Spumante a fiumi, tanti sorrisi. Il leggendario Sporting club s’impavesa, tra luci e bicchieri di cristallo. Quale occasione migliore per stringere mani, fare quattro chiacchiere buone, intavolare intese politiche e di affari.

Succede il 18 dicembre di un anno fa. È il 2016. Tanti sponsor per la serata. Tra questi l’Immobiliare Leonardo e Mediolanum. Come potrebbe essere altrimenti qui a Basiglio nel regno della famiglia Berlusconi. Dove Paolo punta tutto sul nuovo maxi-progetto edilizio già ribattezzato Milano 4. E infatti, eccolo Paolo Berlusconi che della Leonardo è socio di maggioranza, oggi assieme anche a Fininvest, ospite richiestissimo della festa. Sorrisi e strette di mano elargite in giro. Ma una in particolare colpisce e non poco: quella con Emanuele Stilo che dello Sporting è il grande interprete e proprietario assieme alla famiglia. E del resto sul palco si fa vedere anche Stilo senior assieme alla moglie Maria Teresa. La signora, abito scuro e foulard rosso, sorride e abbraccia Berlusconi.

L’interdittiva Expo confermata dai giudici
È festa ci mancherebbe. Se non per un fatto: gli Stilo, originari della provincia di Vibo Valentia, nel 2015, con la loro Ausengieneering, oggi fallita, sono inciampati in un’interdittiva antimafia nell’ambito dei controlli su Expo. Nella corposa documentazione trasmessa dalla Polizia locale e dalla Dia alla Prefettura si ricostruiscono i rapporti oggettivi con persone legate a doppio filo con i vertici della potente cosca Mancuso di Limbadi. L’interdittiva, bocciata dal Tar, tornerà definitiva dopo la sentenza del Consiglio di Stato. Amicizie pericolose dunque per gli Stilo che, immuni da precedenti di tipo mafioso e approdati in riva al Naviglio, hanno macinato successi su successi.

Primo su tutti, lo Sporting, acquistato in disuso nel 2015 e riportato oggi ai fasti degli anni Ottanta. Milano da bere, dunque. E di quell’epoca qui allo Sporting molti protagonisti sono di casa. Di casa è anche Norberto Achille, ex presidente di Ferrovie nord, condannato in primo grado a due anni e otto mesi per peculato e truffa. È il processo nato dalla denuncia che Andrea Franzoso ha raccontato nel libro Il disobbediente (Paper First). Uno dei figli di Achille per qualche tempo è stato in affari con gli Stilo.

Ma torniamo a quei sorrisi e a quelle strette di mano tra Stilo e Berlusconi. Per comprendere meglio, bisogna prendere in mano il mega progetto di Milano 4. Tutto è ormai pronto. Alcuni terreni sono già stati recintati. Le ruspe, da tempo, scaldano i motori. L’affare, euro più euro meno, vale circa 200 milioni di euro. Che poi sia effettivamente un affare è tutto da vedere, visto che qui a Milano 3 sono decine ormai gli appartamenti vuoti. Comunque sia Paolo Berlusconi ci crede, chiede e ottiene il via libera. Ma è un ok, ad oggi, condizionato da una convenzione, in sé, stringente.

Al netto degli alambicchi burocratici, il punto è questo: Berlusconi e la Leonardo per poter procedere nell’edificazione delle varie palazzine prima devono dimostrare, carte alla mano, di aver già venduto il 70% degli appartamenti. A quel punto potranno proseguire, altrimenti tutto si blocca. Naturalmente nulla è impossibile, ma visto che la prossima primavera a Basiglio si vota per il nuovo sindaco, meglio portarsi avanti, anche perché se l’attuale amministrazione dovesse essere riconfermata la convenzione resterebbe tal quale.

Un sindaco non ostile faciliterebbe il progetto
Il documento in questione, però, può essere modificato solo e semplicemente con l’accordo tra il costruttore e la giunta (saltando il consiglio comunale). Per questo avere un primo cittadino amico la prossima primavera, data in cui dovrebbero iniziare i lavori, potrebbe essere un bel vantaggio. Ed ecco allora gli Stilo che alla politica ci pensano, ma non in prima persona. Il loro cavallo (vincente?) si chiama Pierluigi Avarone, manager della security di Mediolanum, il quale, inconsapevolmente forse, oggi porta su di sé diversi interessi. Quello degli Stilo che vedono in Milano 4 comunque un possibile business e quello di Berlusconi, attraverso la banca di Ennio Doris. E del resto un endorsement da parte degli Stilo, se pur velato, c’è già stato. Nel settembre scorso lo stesso Avarone ha lanciato la sua lista “La straordinaria Basiglio” proprio dalle sale dello Sporting.

La sfida del candidato parte dallo stesso club
Non solo, nelle settimane precedenti quell’uscita ufficiale, al ristorante dello stesso Sporting Avarone ha organizzato almeno una decina di cene “politiche”. E che la convenzione preoccupi Berlusconi lo dimostra il valzer di conferme e smentite, tutte ufficiose sia chiaro, su duecento appartamenti che Mediolanum avrebbe già opzionato. Il numero arriva dalla parte di Berlusconi che così potrebbe tranquillamente saltare l’ostacolo della convenzione. Mediolanum, però, smentisce. Cifra abnorme, viene spiegato tra i corridoi, tanto più che la banca sta operando tagli sul personale. Al netto di questo, il comitato d’affari, tra politica e amicizie mafiose, feste e strette di mano, continua a lavorare dietro le quinte.

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Italia
Anche un appartamento

Le bugie della miss sarebbero costate 80 mila euro a Silvio

L’ex premier Silvio Berlusconi avrebbe potuto contare sulle bugie di Roberta Bonasia (in foto) ai processi milanesi versandole una cifra non inferiore a 80 mila euro di cui 55 mila in bonifici e 25 mila erogati con un assegno circolare. Lo rivela LaStampa.it: calunnia, falsa testimonianza e corruzione in atti giudiziari in concorso – solo in questo caso – con Berlusconi. Queste sono le accuse per la ragazza, 33 anni, ex infermiera dell’Asl To5 di Moncalieri. Il pm Laura Longo ha chiesto il rinvio a giudizio sia della Bonasia sia di Berlusconi, nell’ambito di uno stralcio del procedimento Ruby ter. Adesso dovranno comparire, insieme, di fronte al giudice Francesca Christillin il prossimo 30 gennaio a Torino per l’udienza preliminare. E tra “le utilità” che Berlusconi avrebbe concesso alla ragazza, e che lei avrebbe accettato in cambio di false testimonianze – accusano i pubblici ministeri – c’era anche un alloggio in comodato d’uso gratuito al ventiduesimo piano del Palazzo Velasca di Milano. “Soldi e un alloggio a canone zero”: questo per l’accusa è il prezzo delle presunte bugie della ragazza di Nichelino, già finalista di Miss Italia e volto di Mediaset.

Italia

Salute e cure, perizie e regole. Matrix, tutte le balle su Dell’Utri

Italia

Berlusconi city: Forza Italia non esiste più

Niente compiti per Natale? – Tra i banchi
Italia
La proposta bussetti

Niente compiti per Natale? – Tra i banchi

di

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×