“Mister Felicità”, ovvero come ritrovare l’incasso perduto

La pellicola con e di Siani è l’ultima chance per sollevare un Natale fiacco per le produzioni italiane: nessun cinepanettone ha fatto il botto
“Mister Felicità”, ovvero come ritrovare l’incasso perduto

Da Confucio ad Alessandro Siani. Nell’era del pensiero debolissimo tutto fa brodo, purché si vada alla ricerca della felicità. Dunque nessuno stupore se il menestrello partenopeo – qui Mister Felicità – scelga di scomodare il maggior filosofo cinese a sintesi del soggetto al suo terzo film da regista. “La felicità non sta nel non cadere, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.