» Cronaca
domenica 11/03/2018

Mezzo miliardo di dollari per gli F-35 da “aggiornare”

Aeronautica militare - Il primo caccia Usa consegnato all’Italia vola e basta Servono altri 40 milioni per far funzionare ciascuno dei 12 velivoli acquistati. I difetti: dal software al sistema di puntamento e al respiratore: Londra potrebbe ridurre l'ordine
Mezzo miliardo di dollari per gli F-35 da “aggiornare”

Pochi giorni fa l’Aeronautica Militare ha annunciato con orgoglio l’entrata in servizio del primo F-35 tricolore. Peccato che il nuovo cacciabombardiere, pagato la bellezza di 150 milioni di euro, così com’è non serva praticamente a nulla: vola e basta. Almeno di non spendere altre decine di milioni per aggiornare il suo computer di bordo. Lo stesso discorso vale per tutti gli F-35 pre-serie comprati dall’Italia: dieci già consegnati e un paio in arrivo.

A settembre il responsabile americano del programma, il viceammiraglio Mathias Winter, aveva ipotizzato la rottamazione degli F-35 prodotti finora a causa degli eccessivi costi di retrofit necessari per renderli utilizzabili. Mercoledì scorso, nel corso di una sua nuova audizione al Congresso, è venuto fuori che garantire l’operatività dei primi 360 aerei consegnati finora e in consegna quest’anno (Lotto 10) costerà la modica cifra aggiuntiva di 16 miliardi di dollari. “Una cifra incredibilmente alta che supera largamente ogni passata stima fornita al Congresso”, ha commentato la rappresentante democratica della commissione Difesa americana, Niki Tsongas. Così alta che, nel corso dell’audizione, il generale Usaf Jerry Harris l’ha dichiarata incompatibile con l’attuale budget dell’aeronautica americana.

Tutti questi soldi servono per pagare la cosiddetta fase C2D2, acronimo di Continuous Capability Development and Delivery (sviluppo e fornitura di capacità continuativi), consistente in aggiornamenti di software da installare sugli aerei ogni sei mesi per i prossimi sette anni per correggere gli errori e colmare le mancanze di programmazione così da portarli allo standard operativo “Block 4”, che dovrebbe essere di serie sui futuri modelli. Un piano giudicato irrealistico dallo stesso Pentagono per i tempi e i modi della sua realizzazione e fatalmente destinato a incontrare ulteriori rallentamenti e aumenti di costi.

Quanto toccherà pagare all’Italia? Rimanendo all’ottimistica stima di 16 miliardi di dollari, il viceammiraglio Winter ha spiegato che la quota a carico di partner e clienti stranieri del programma sarà di 3,7 miliardi di dollari. Poiché gli F-35 non-americani da aggiornare sono in tutto una novantina, si tratta di circa 40 milioni di dollari in più ad aereo. Quelli italiani bisognosi di aggiornamento sono dodici, il che significa quasi mezzo miliardo di dollari in più.

Fin qui si è parlato del software degli aerei, che è solo uno dei difetti che rende l’F-35 una macchina di fatto inutilizzabile. Poche settimane fa, infatti, il nuovo direttore dei test operativi del Pentagono, Robert Behler, ha denunciato in un rapporto al Congresso Usa che, nonostante gli ingenti investimenti di riprogettazione fatti negli ultimi anni, i principali problemi non sono stati ancora risolti: il nevralgico sistema di supporto operativo Alis (Autonomic Logistics Information System) non funziona, così come il sistema di puntamento ottico del casco e i sistemi di lancio di bombe e missili aria-aria, la mitragliatrice di bordo che spara storto e fa impennare l’aereo, il respiratore del pilota che causa ipossia e perfino i pneumatici della versione da portaerei (il primo consegnato un mese fa alla Marina Militare italiana) che sono da buttare dopo solo dieci appontaggi.

Nessuno sa quanto costerà risolvere questi difetti. Di fatto, gli F-35 pre-serie prodotti finora, compresi i dodici comprati dall’Italia, sono dei prototipi inutilizzabili che, nella migliore delle ipotesi, potranno diventare parzialmente operativi tra molti anni e solo ad un prezzo incalcolabile. Per questo la Germania, nonostante il crescente pressing di Washington, continua a rifiutarsi di comprare gli F-35 e perfino la Gran Bretagna valuta di prenderne meno del previsto. Cosa farà il prossimo governo italiano?

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Cronaca
Coppia barbaramente uccisa

Treviso, un sospetto fermato per l’omicidio dei pensionati di Rolle

Svolta nel duplice delitto di Cison di Valmarino, in provincia di Treviso: nove giorni dopo la barbara uccisione della coppia di anziani nel giardino della loro casa, nella frazione di Rolle, i carabinieri hanno stretto il cerchio sul presunto assassino, fermandolo nella notte tra venerdì e sabato e portandolo in carcere. Si tratta di un 35enne con qualche lavoro da operaio alle spalle, ma nessuna occupazione stabile, anch’egli di Cison. Si tratta di un fermo deciso dalla Procura di Treviso, una misura d’urgenza che ora dovrà essere convalidata dal gip. Gli investigatori stanno continuando a sentire amici e parenti delle vittime per cercare di risalire al movente dell’omicidio, ancora non chiaro, anche se si sospetta la natura economica. Forse il denaro che i due anziani potevano avere in casa, o altre vicende per adesso non svelate dagli investigatori. Nel passato del sospetto qualche problema di dipendenza, riferisce chi in paese lo conosce. La coppia, Loris Nicolasi di 72 anni, e la moglie Anna Maria Niola di 69, era stata aggredita la mattina dell’1° marzo scorso con ferocia, colpiti entrambi da colpi di arma da taglio, forse un pugnale, e lasciati morenti sul prato dietro la loro casa, una zona di campagna a Rolle di Cison.

Cronaca

Rimborsi ai consiglieri comunali Inchiesta per peculato a Genova

Cronaca

Sicilia senz’acqua, polemica su Musumeci

Metro C: verso il processo in 25, c’è pure Alemanno
Cronaca
Roma

Metro C: verso il processo in 25, c’è pure Alemanno

di
Che gaffe al Tour: la polizia travolge Nibali
Cronaca
Ciclismo

Che gaffe al Tour: la polizia travolge Nibali

di
Cronaca
Il ricorso - Anche contro la “Stop Soros”

Diritto di asilo, l’Europa deferisce l’Ungheria alla Corte di Giustizia

Ermias, 300mila euro a settimana grazie ai “traghetti” dei disperati
Cronaca
L’etiope Ghermay - 2/La tratta

Ermias, 300mila euro a settimana grazie ai “traghetti” dei disperati

di

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×