L’Abruzzo teme il gasdotto: “Mancano gli studi geologici”

Appennino centrale - Il mega-tubo Snam passerà sulla faglia sismica. La commissione Ambiente della Camera scrisse: “Pericolo sicurezza”
L’Abruzzo teme il gasdotto: “Mancano gli studi geologici”

Era l’8 aprile del 2009. Due giorni dopo il terremoto de L’Aquila. Mentre l’Abruzzo era in piena emergenza, Snam presentava al ministero dello Sviluppo economico l’istanza per rinnovare la dichiarazione di pubblica utilità del metanodotto Sulmona-Foligno, in scadenza. L’infrastruttura attraverserà l’Appennino centrale, passando per Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria. Nel 2004 Snam, controllata da Cassa […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.