» Commenti
venerdì 17/11/2017

Totò Riina: la guerra, il controllo, le stragi. Solo lui è stato ‘capo dei capi’

Riina e gli altri - Cosa Nostra è sempre stata un sistema di potere criminale e di relazioni, l’avvento dei “corleonesi” rappresentò una mutazione genetica
Totò Riina: la guerra, il controllo, le stragi. Solo lui è stato ‘capo dei capi’

Mille volte si è detto e scritto che Cosa Nostra ha sempre dimostrato, nella sua storia, di essere un vero e proprio sistema di potere criminale. Forte e saldo soprattutto grazie agli occulti patti di scambio con settori del potere politico, del mondo imprenditoriale e della massoneria. Per cui, concentrare tutto esclusivamente sulla figura di un “capo dei capi” – questo o quello fra i tanti succedutisi nel tempo – poteva portare fuori strada, facendo trascurare o persino dimenticare il nodo centrale della questione mafia: la sua potente struttura organizzata, con relativa capacità di torbidi condizionamenti in varie direzioni.

Se un’eccezione può farsi a questo schema, essa riguarda Salvatore (Totò) Riina. Perché protagonista indiscusso di una sorta di mutazione genetica (decisamente in peggio) di Cosa nostra, attraverso un progressivo controllo sull’organizzazione che alla fine divenne egemonico e totalizzante. Con una crudele strategia criminale, Riina cominciò inserendo segretamente una sua persona di assoluta fiducia in ogni “famiglia” mafiosa della Sicilia. Poi, tra la fine degli anni Settanta e per tutti gli anni Ottanta, scatenò a Palermo una “guerra di mafia” che causò più di un migliaio di morti ammazzati. Tutti gli appartenenti a schieramenti contrari ai “corleonesi” di Riina furono eliminati o costretti a scappare.

Nello stesso tempo venne colpita un’infinità di uomini delle istituzioni che per un verso o per l’altro erano considerati – da Riina o dai suoi accoliti – di ostacolo alle loro attività criminali. L’elenco (anche solo per “categorie”) è interminabile: poliziotti, carabinieri, magistrati, giornalisti, politici e imprenditori onesti, uomini della società civile, il prefetto di Palermo. Una vera e propria ecatombe, una decapitazione sistematica e feroce di tutti i vertici istituzionali.

In seguito, quando Giovanni Falcone, Paolo Borsellino e gli altri magistrati del pool avviarono contro Cosa Nostra indagini finalmente incisive – con un metodo investigativo-giudiziario nuovo e vincente – Riina reagì con la sua abituale spietata determinazione. Prima pretendendo dai suoi complici, disseminati un po’ dovunque, che si attivassero per “appattare” i processi, affinché potessero concludersi ancora una volta con un nulla di fatto.

Fallito questo obiettivo (per la prima volta nella storia la Cassazione condannò in via definitiva mafiosi anche di “rango”, infliggendo loro pesanti condanne) Riina si vendicò con l’omicidio di alcuni dei personaggi che non erano stati ai patti. E alla fine organizzò le stragi di Capaci e di via D’Amelio, sventrando autostrade e quartieri di Palermo per punire Falcone e Borsellino. La rappresaglia nei loro confronti fu certamente una delle cause che portarono alle stragi del 1992, senza escludere la possibilità che altre ve ne siano state, come sta cercando di accertare il processo sulla “trattativa”.

Arrestato, Riina continuò a esternare in tv, “con la sicurezza non di un uomo che va incontro a tanti ergastoli, ma di un uomo che sa di poter discutere ancora le sue cose con buone speranze” (così Tommaso Buscetta in un libro/intervista di Saverio Lodato). Una di queste esternazioni la fece il 25 maggio 1994 nell’aula della Corte d’assise di Reggio Calabria (in una pausa del processo per l’omicidio Scopelliti), ammonendo il governo di allora a guardarsi da certi magistrati “comunisti” e dai pentiti che costoro manipolavano. Il furbo Riina voleva forse accodarsi alla campagna elettorale del 1994 dove, come ha osservato lo storico Salvatore Lupo, era partito “un attacco, che allora nessuno accettava, alla legge sui pentiti” e un “assalto della magistratura quando (essa) era sulla cresta dell’onda”. Ma questa è un’altra storia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Italia
Il post su facebook

Il terzogenito Salvo: “È un giorno triste buon compleanno”

“Per me tu non sei Totò Riina, sei il mio papà. E in questo giorno per me triste ma importante ti auguro buon compleanno papà. Ti voglio bene, tuo Salvo”. Il figlio del boss di Cosa Nostra affida a Facebook le sue sensazioni, in un post che ha ricevuto centinaia di like e commenti. Terzogenito del boss, Giuseppe Salvatore Riina è stato arrestato a giugno del 2002 per associazione mafiosa ed estorsione. Condannato in Cassazione a 8 anni e 10 mesi di reclusione, ha già scontato le pena. Autore di due libri (“Riina family life e “ Mi chiamo Salvo Giuseppe Riina, figlio di Totò, il capo dei capi”) ora vive a Padova. Sono state tantissime le polemiche dopo la sua presenza a Porta a Porta, il 6 aprile del 2016, in occasione dell’uscita di uno dei suoi libri. Negli studi di Vespa, Riina junior disse: “Amo mio padre, non lo giudico”. Dopo la puntata la Commissione Antimafia convocò anche la presidente della Rai Monica Maggioni la quale rivendicò la posizione dell’azienda ma non il contenuto dell’intervista: “Nell’atteggiamento della Rai non c’è nessun tipo di negazionismo come dimostra la programmazione quotidiana da decenni. Poi però accade quello che è accaduto ieri”.

Vignette

Fatto a mano di Natangelo del 17/11/2017

Italia

Al cinema è riuscito, la tv alla prova d’appello

Commenti
Solo posti in piedi

Un film rossonero, regia Sidney Pollack

Commenti
Intransigenti

Molestie, il puritanesimo Usa ora punta al bersaglio Trump

di
Commenti
Il Chierico Vagante

Il cattofascismo ungherese di Orbán che restaura una chiesa italiana

di

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 22 alle 7, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×