Io, malata, di Parkinson. Continuerò a divincolarmi e a correre sempre in avanti

Cara Selvaggia, oggi pensavo di portarti nel mio (nuovo) mondo del Parkinson. L’anno scorso, a 46 anni, dopo un paio d’anni di disturbi neurologici, mi hanno diagnosticato il parkinson. Cazzo è stata la prima cosa che ho pensato. Cazzo… il parkinson ce l’aveva mio nonno Abramo. Ma aveva più di 70 anni e un nome […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.