» Politica
sabato 23/06/2018

Intercettazioni, Bonafede: “La riforma sarà bloccata”. Correttivi e proroga: ecco come potrebbe accadere

Il Guardasigilli, in un convegno, rassicura magistrati e avvocati: il testo di Orlando entra in vigore il 12 luglio, serve un decreto subito per bloccarlo
Intercettazioni, Bonafede: “La riforma sarà bloccata”. Correttivi e proroga: ecco come potrebbe accadere

La riforma delle intercettazioni voluta dall’ex ministro della Giustizia Andrea Orlando non entrerà in vigore, come previsto, il 12 luglio. Con gran sollievo di pubblici ministeri e penalisti. Secondo i magistrati e gli avvocati, mai andati così d’accordo come in questo caso, è una riforma dannosa: perché pregiudica le indagini e inficia il diritto di difesa.

Lo stop alla riforma lo ha annunciato ieri il nuovo ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede. Il provvedimento di riforma delle intercettazioni “verrà senz’altro bloccato”, ha detto il ministro. Senza, però, specificare cosa farà in concreto. Secondo quanto risulta al Fatto, Bonafede ha intenzione di seguire una sorta di doppio binario: un provvedimento d’urgenza, un decreto legge, per prorogare l’entrata in vigore della riforma e contemporaneamente pensare a un decreto correttivo che entri nel merito. Dunque un ripensamento complessivo della riforma che il ministro già da deputato aveva avversato.

Bonafede ha parlato a un convegno organizzato dal Csm sull’organizzazione degli uffici giudiziari a cui hanno assistito molti magistrati. Presente anche Francesco Minisci, presidente dell’Anm. Proprio Minisci si è appellato al ministro: “Blocchi una riforma che non raggiunge lo scopo di evitare la pubblicazione di intercettazioni sensibili, ma creerà distorsioni e danni per le indagini e il diritto di difesa. Solo lei può intervenire per evitare ulteriori salti mortali organizzativi”.

Bonafede, come detto, ha confermato il blocco e aggiunto un elemento che ha fatto indispettire Orlando. “Ho avviato – ha detto – una valutazione delle risorse che sono state investite per la strumentazione che la legge rendeva necessaria, che verrà riutilizzata perché non ci piace buttare soldi. Il mio impegno è capire le linee della riscrittura del provvedimento e su questo avvierò presto un confronto con procure e avvocati”. A stretto giro è arrivata la replica dell’ex ministro: “Quelle risorse non sono legate alla riforma, ma a rendere più sicuro il sistema informatico che raccoglie e gestisce le intercettazioni”.

Il ministro Bonafede ha parlato anche di prescrizione (“il cittadino vuole una risposta dalla giustizia, non percepisce l’idea che il processo è durato troppo e non si va avanti”) e della legge renziana sulla “tenuità del reato”: va bene, ma non se ha finalità “meramente deflativa” (cioè se punta solo a svuotare le carceri). Quanto alla possibilità che vengano ripristinati i piccoli tribunali, ipotesi che lascia perplessi i magistrati, Bonafede ha spiegato che “il contratto di governo intende capire se ci sono situazioni che meritano particolare attenzione”. Infine c’è il caso Bari. Respinta la proposta del Csm di nominare un commissario per assicurare che non si torni più a fare processi in una tendopoli: “Ci sono io, ci metto la faccia”.

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Politica
Il presidente della Consulta

“È incostituzionale”. Lattanzi boccia il censimento Rom

Dopo le polemiche seguite alle dichiarazioni del ministro dell’Interno Salvini, che annunciava la volontà di schedare le popolazioni rom e sinti presenti in Italia, ieri sull’argomento è intervenuto il presidente della Corte Costituzionale Giorgio Lattanzi. A margine di un incontro avvenuto a Napoli il capo della Consulta ha infatti risposto a una domanda sull’incostituzionalità dell’eventuale censimento asserendo: “Qualunque discorso riguardi una collettività con una caratteristica comune che, soltanto per questa caratteristica comune, si pretende di differenziare, pensando a trattamenti particolari, a me sembra che non sia compatibile con l’articolo 3 della Costituzione”, concludendo che si ravvisano profili di incostituzionalità ogni qualvolta un gruppo viene trattato in maniera speciale in base all’etnia, religione, provenienza geografica o qualsiasi altro dato generico. Non si è fatta attendere la replica del leader leghista che ha poco dopo dichiarato: “L’unico mio interesse è sapere chi vive nei campi rom, se lavorano e pagano le tasse, se hanno le auto assicurate, se pagano le bollette, se mandano i figli a scuola e quanto denaro pubblico incassano. È costituzionale?”.

Politica

Il Pd nei ballottaggi cerca di resistere all’assalto della destra

Politica

Vaccini e “reddito”. La solita giornata nera dei ministri del M5S

Rai, nel toto-nomi per il Tg1 c’è anche Franco Di Mare
Politica
Il caso

Rai, nel toto-nomi per il Tg1 c’è anche Franco Di Mare

di

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×