Il ridicolo derby buonisti contro “cattivisti”

Se i giornali sono – come in effetti è sensato che sia – lo specchio del dibattito pubblico (e della classe dirigente), il livello a cui siamo scaduti è francamente sconfortante. Con non trascurabile frequenza leggiamo invettive sui social network, cloaca maxima dei peggiori istinti: non si capisce però da quale pulpito arrivi la predica, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.