Il governo a fine-vita punisce Cappato e Fabo

L’esecutivo Gentiloni si costituisce per difendere “una legge fascista”
Il governo a fine-vita punisce Cappato e Fabo

A nulla sono serviti l’appello a Paolo Gentiloni e le 15 mila firme raccolte dall’associazione Luca Coscioni. La richiesta al governo di non costituirsi davanti alla Consulta per difendere la costituzionalità del reato di aiuto al suicidio è caduta nel vuoto. E ieri, ultimo giorno utile, l’avvocatura dello Stato ha depositato una memoria per chiedere […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.