I soldi di Milano “smaltiti” in miniera in Montenegro

Strano affare - La multiservizi A2A, la più grande del Nord Italia, ha investito 457 milioni in quote dell’ “Enel balcanica” senza ricavarne un euro. Sullo sfondo, l’oscura famiglia del primo ministro
I soldi di Milano “smaltiti” in miniera in Montenegro

Dal 2009 i cittadini di Milano e Brescia sono proprietari al 40% di una centrale elettrica a lignite. E anche della miniera che la alimenta. Gli impianti si trovano in Montenegro, a Pljevlja, cittadina vicino al confine con la Serbia asfissiata dai fumi dell’impianto. È qui che A2A, la più grande società multiservizi del Nord […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.