Eels, non si sta poi così male sull’orlo del precipizio

Il musicista tempera il consueto mood malinconico e dolorosamente cinico con più di una concessione all’ottimismo
Eels, non si sta poi così male sull’orlo del precipizio

C’è una regola non scritta, nel prontuario dell’ascoltatore di musica pop, che è tanto inconfutabile quanto imbarazzante da ammettere. Ed è che gli artisti che ci raccontano il loro malessere e le loro sofferenze, quelli che mettono a nudo la loro anima tormentata sciogliendo le ali ai demoni personali, ci sembrano inizialmente più interessanti degli […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.