E l’ex Nar provoca le vittime della strage

Processo Cavallini - Ciavardini a confronto con i parenti del 2 agosto ’80. E viene accusato di reticenza
E l’ex Nar provoca le vittime della strage

Calmo, impassibile, ostinato. “La mia innocenza è completa, nel rispetto di quanto lei ha provato, ma anche io mi reputo una vittima, sono l’86esima vittima della strage del 2 agosto ’80, sono innocente”. Luigi Ciavardini l’ha ribadito senza esitazioni, a dispetto delle sentenze che l’hanno condannato a 30 anni e non all’ergastolo perché era minorenne. […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora


entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora

© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.