» Cronaca
sabato 16/12/2017

Processo Trattativa, “Dell’Utri andò dai boss prima di fare Forza Italia”

Requisitoria dei pm, Di Matteo: “Certa stampa continua a delegittimarci”
Processo Trattativa, “Dell’Utri andò dai boss prima di fare Forza Italia”

Ha escluso dalle stragi il movente dell’indagine su “mafia e appalti” (“Borsellino non se n’è mai occupato, indagava sull’anonimo del Corvo 2”); ha difeso Agnese Borsellino (“Non si può più sentire che ha riferito troppo tardi di aver saputo dal marito che Subranni era punciuto, neanche fosse un collaboratore che deve rendere dichiarazioni entro 180 giorni”) e si è scagliato contro i silenzi di Ciriaco De Mita: “Emblema di quella diffusa omertà istituzionale che ancora oggi, in questo dibattimento, ha caratterizzato la ricostruzione di una stagione controversa”.

Nel secondo giorno di requisitoria, nell’aula bunker dell’Ucciardone, il pm Nino Di Matteo ha anche puntato il dito contro parte dell’informazione: “Si continua a delegittimare e ridicolizzare il nostro lavoro, parlando di messinscena, ma questo persistente attacco mediatico stride con dati di fatto di solare evidenza e dirompente forza dimostrativa”. E non è tutto. Dal ruolo di mediatore di Marcello Dell’Utri “che si proietta pienamente nel ’94, ma che nasce molto prima, tra fine ’91 e inizio ’92, subito dopo il delitto Lima”, alle rivendicazioni della Falange Armata, che dimostrano “l’unitarietà di regia di tutta la campagna di violenza e intimidazione”, fino agli incontri degli ufficiali del Ros Mario Mori e Giuseppe De Donno con Vito Ciancimino, “terreno privilegiato di una vera Trattativa politica e non – come vogliono farci credere gli imputati – di una ordinaria, sia pure spregiudicata, iniziativa investigativa”: i pm Di Matteo e, prima di lui Roberto Tartaglia, hanno parlato per cinque ore ricostruendo l’escalation delle Leghe, movimenti separatisti con legami con eversione nera e massoneria, e puntando i riflettori sul 25 giugno ’92, giorno in cui Paolo Borsellino incontrò Mori e De Donno alla caserma Carini. “Di quell’incontro – ha detto Di Matteo – Mori e De Donno dissero che il tema era l’indagine su mafia e appalti. Ma se fosse così, avrebbero avuto il dovere di parlarne con i magistrati nisseni subito dopo via D’Amelio. E invece niente. Il silenzio’’.

Poi, descrivendo il ruolo di Dell’Utri, i pm hanno ripercorso la sequenza che dalle riunioni della cupola ad Enna dell’autunno ’91 conduce alla formazione di Forza Italia nel ’94. Il primo contatto di Cosa nostra con Dell’Utri, dopo Lima, ha ricostruito Di Matteo, “arriva da Catania con gli attentati alla Standa (di proprietà Fininvest)”. È il pentito Filippo Malvagna a raccontare che gli incendi ai magazzini Standa “sono voluti dai corleonesi”. Il motivo? Lo spiega il pentito Giuseppe Di Giacomo: “Fu deliberato di attaccare la Standa per assoggettare Berlusconi e realizzare un nuovo progetto politico”. E il pm riferisce che lo stesso Antonio Pulvirenti, direttore della Standa di Mascalucia, aveva fatto sapere che “dopo gli incendi erano scesi personaggi del gruppo Berlusconi”. Chi è l’alto dirigente che arriva a Catania? Lo dice Maurizio Avola, prosegue Di Matteo, che fa il nome di Dell’Utri, sostenendo che nel corso di quegli incontri l’ex senatore “si era incontrato con Nitto Santapaola”. Il pm chiude citando le parole di Totò Riina, nell’ora di passeggio con Alberto Lorusso, il 22 agosto del 2013: “Dategli fuoco alla Standa, gli dissi, così li metto sotto”. E ancora: “Mandò a quello, scese il palermitano, parlò con uno e si mise d’accordo. Questo senatore… sì… sì, serio era. Però poi finì in galera questo qua”. “Lascio a voi capire – ha concluso Di Matteo – chi è stato messo sotto, chi è il senatore che scese e poi finì in galera”.

Proprio ieri Marcello Dell’Utri, dal carcere di Rebibbia dove sta scontando la condanna a sette anni per concorso in associazione mafiosa, ha scritto una lettera al giornalista Nicola Porro, in occasione della puntata speciale di Matrix in onda ieri sera, per annunciare che ha sospeso lo sciopero del vitto, ma non quello della terapia. Affetto da una patologia cardiaca, Dell’Utri, per il quale recentemente è stata respinta una richiesta di sospensione condizionale della pena, ha sottolineato ancora una volta di non volere la grazia. La requisitoria prosegue il 21, 21 e 22 dicembre.

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Cronaca
Sequestrati 24 litri di acido

Ex calciatore ucciso, assassino cercava info sul metodo-Brusca

Una madre, Antonietta Biancaniello, 59 anni di Quarto Oggiaro, quartiere popolare di Milano dove è radicata la criminalità organizzata, che viene fermata con un cadavere chiuso in un bidone nell’auto e difende il figlio fino all’ultimo: “Non sa nulla di tutto ciò, ho fatto tutto da sola”. Il figlio, Raffaele Rullo, esperto informatico per una grande azienda ma anche coinvolto in “giri loschi” come un “traffico di auto”, che continua a negare di aver ucciso il suo amico. E prova a giustificare di fronte al pm Eugenio Fusco quelle ricerche on line su come eliminare un corpo e sullo “scioglimento nell’acido” del piccolo Giuseppe Di Matteo, ammazzato 21 anni fa da Giovanni Brusca su ordine di Totò Riina. Sono gli elementi inquietanti che emergono dagli atti dell’inchiesta, condotta dai carabinieri, sull’uccisione di Andrea La Rosa, l’ex calciatore di serie C e direttore sportivo del Brugherio scomparso il 14 novembre e trovato morto, in posizione fetale in un fusto per gasolio che la madre di Rullo, come lui ora in carcere, stava trasportando verso un box dove sono stati sequestrati 24 litri di acido. Rullo, 35 anni come la vittima, avrebbe cercato in tutti i modi, anche acquistando una sega elettrica, di sbarazzarsi di quel corpo.

Italia

Ma lei è una ragazza! “Ecco cosa mi dissero quando arrivai in Rai”

Cronaca

Mafia, le parole del pentito “Riina voleva l’alleanza con la ’ndrangheta”

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×