» Cronaca
venerdì 09/06/2017

Consip, una chat inguaia il capitano Scafarto

In un messaggio i pm vedono la prova del dolo: l’ufficiale si fa mandare l’audio, sei giorni dopo attribuisce a Romeo la frase di Bocchino su Renzi

La “pistola fumante”, così la chiamano gli investigatori. La prova del dolo nel falso contestato al capitano del Noe Gianpaolo Scafarto per gli inquirenti di Roma è un messaggio del 3 gennaio scorso. Scafarto in una chat con i colleghi chiede di verificare l’intercettazione captata negli uffici dell’imprenditore Alfredo Romeo il 6 dicembre 2016, quando si afferma: “Renzi l’ultima volta che l’ho incontrato…”. Dice, insomma, che poteva essere utile ad arrestare il padre dell’ex premier, Tiziano Renzi, ora indagato per traffico di influenze. È convinto che la frase sia di Romeo. Lo smentisce il vicebrigadiere Remo Reale: “Capitano non è così”.

A questo punto Scafarto gli spiega di dover far riascoltare quella conversazione anche ad altri e il vicebrigadiere gli risponde che lo hanno già fatto e tutti convergono che a parlare non sia Romeo ma Italo Bocchino, indagato anche lui per traffico di influenze. A quel punto, Reale invia a Scafarto il file audio. Nonostante ciò nell’informativa depositata il 9 gennaio 2017 la frase viene attribuita comunque a Romeo. Con un commento: “Questa frase assume straordinario valore e consente di inchiodare alle sue responsabilità Tiziano Renzi in quanto dimostra che effettivamente Romeo e Renzi si siano incontrati (circostanza, questa, che verrà riferita a verbale da Alfredo Mazzei sentito il 2 gennaio 2017), atteso che Romeo ha sempre cercato di conoscere Matteo Renzi senza però riuscirvi”. L’aver attribuito la frase a Romeo è costato a Scafarto un’accusa di falso. Che non è l’unica: i pm gli contestano lo stesso reato anche per la parte dell’informativa sulle presunte attenzioni dei Servizi segreti per chi indagava su Consip.

Quando durante il secondo interrogatorio di due giorni fa, i pm Paolo Ielo e Mario Palazzi leggono al capitano del Noe i messaggi del 3 gennaio 2017, la linea difensiva è sempre la stessa: un errore, una distrazione. Il capitano inoltre non ricorda neanche di aver ascoltato il file audio inviatogli da Reale. I pm non ci credono perché quei messaggi risalgono a soli sei giorni prima del deposito dell’informativa.

L’avvocato di Scafarto, Luigi Annunziata, legge questi messaggi come utili alla difesa. Ma ci sono anche altri messaggi estratti dal cellulare del capitano, sequestrato durante il primo interrogatorio del 10 maggio. I pm hanno trovato i messaggi con il suo superiore, Alessandro Sessa, vicecomandante del Noe, indagato per depistaggio: nell’audizione del mese scorso come testimone, Sessa avrebbe mentito ai pm riferendo di non aver informato il suo comandante, Sergio Pascali, delle intercettazioni sulla Consip prima del 6 novembre 2016, giorno in cui uscì un articolo su La Verità che parlava del coinvolgimento di Tiziano Renzi.

Secondo i pm, invece, Pascali sarebbe stato messo al corrente già nell’estate precedente. Anche in questo caso, la prova per i pm è un messaggio inviato da Scafarto il 9 agosto 2016, quando scriveva: “Sono due giorni che penso continuamente a queste intercettazioni e alla possibilità di portare avanti queste indagini con serenità. Credo sia stato un errore parlare di tutto col capo attuale e continuare a farlo. La situazione potrebbe precipitare con la fuga di notizie che potrebbe farvi passare un brutto quarto d’ora”. Ma chi è il “capo” di cui si parla? Secondo fonti vicini ai due indagati, non è detto che sia Pascali. Potrebbe essere, dicono, il generale Gaetano Maruccia, capo di Stato maggiore dell’Arma, ovviamente mai indagato né convocato. La risposta la fornirà Sessa, che tornerà dai pm non appena sarà terminata la perizia sui messaggi (inizierà il 13 giugno). Se confermasse che il “capo” è Maruccia (che aveva diritto a sapere), pure lui potrebbe essere convocato. Ma va chiarito anche un altro aspetto: quando Scafarto scrive “credo sia stato un errore parlare di tutto col capo attuale”, a che cosa si riferisce? Alle intercettazioni? All’indagine in generale su Consip?

Domande fondamentali per ricostruire la fuga di notizie che giunse all’ad di Consip Luigi Marroni, sentito ieri in Procura come testimone. Già a dicembre, davanti ai carabinieri, aveva datato proprio all’estate 2016 la fuga di notizie: “Ho fatto effettuare la bonifica del mio ufficio – ha detto – in quanto ho appreso in quattro differenti occasioni da Filippo Vannoni, dal gen. Emanuele Saltalamacchia, dal Presidente di Consip Luigi Ferrara e da Luca Lotti di essere intercettato; (…) Ferrara mi ha notiziato di essere intercettato lui stesso e che anche la mia utenza era sotto controllo per averlo appreso dal comandante generale dei carabinieri Tullio Del Sette; questa notizia l’ho appresa dal Ferrara non ricordo con precisione ma la notizia la colloco tra luglio e settembre 2016 e comunque non ad agosto in quanto ero in ferie”.

Quando Marroni rese queste dichiarazioni c’era anche Scafarto, che inviò un messaggio a Sessa, informandolo in sostanza che il manager “ha coinvolto Del Sette”. Che la fuga di notizie però viaggiasse nei piani alti dell’Arma, forse Scafarto lo sospettava già prima dell’interrogatorio di Marroni: a settembre 2016 in un messaggio dice a Sessa che forse è il caso di intercettare con le ambientali “Tullio e Gaetano”, ossia Del Sette e Maruccia. Le intercettazioni non sono state mai disposte, mentre Del Sette – con Lotti e Saltalamacchia – è indagato per rivelazione del segreto istruttorio. Oltre Marroni, ieri i carabinieri hanno sentito per spontanee dichiarazioni un altro protagonista dell’inchiesta Consip.

 

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Cronaca
Torino

Minacce anarchiche al pm Sparagna: “Contenti se bruci”

“Distruggerequesto mondo di merda è bello. Sparagna, prova anche tu. Penso che venti litri di benzina per distruggere il tuo ufficio possono bastare. E se dentro bruci pure tu saremo ancora più contenti”. A pronunciare queste frasi, rivolte a uno dei pubblici ministeri della Procura di Torino ai quali due giorni fa è stato recapitata una busta esplosiva, era stato uno speaker, lunedì scorso, durante un presidio di anarchici e antagonisti. Il luogo era l’esterno dell’aula bunker delle Vallette, a Torino, in occasione dell’apertura dell’udienza preliminare contro gli anarchici accusati di reati di terrorismo per le azioni della Federazione anarchica informale. A Roberto Sparagna erano stati indirizzati numerosi insulti. “I nostri padri e i nostri nonni – aveva aggiunto lo speaker – ci hanno insegnato come si trattano i nazisti. Vai a piazzale Loreto, e medita la fine che fanno”. Gli anarco-insurrezionalisti hanno cambiato strategia di “attacco” e auspicano che le varie anime del movimento si uniscano, “ognuna con le proprie specificità”, nell’ottica “più ampia della tensione alla sovversione”: è quanto si legge in un documento, da settimane al vaglio della Digos di Torino, reperibile su Internet dallo scorso 5 maggio.

Cronaca
Ora Novelli è in bilico

Tor Vergata, il rettore rischia il processo Mdp: “Si dimetta”

Si aggrava la posizione del rettore di Tor Vergata, seconda università della Capitale, Giuseppe Novelli. Assistito dall’avvocato Franco Coppi, non è riuscito a convincere il pm di Roma Mario Palazzi che ha chiesto il suo rinvio a giudizio per tentata concussione e induzione alla corruzione. La vicenda è stata raccontata nei mesi scorsi dal Fatto Quotidiano: due ricercatori con l’abilitazione a professori di prima fascia hanno fatto ricorso al Tar contro le nomine dirette (senza concorso) di altri candidati a posti di docenti di prima fascia. Novelli non l’ha presa bene e ha minacciato il primo (“O ritira il ricorso oppure noi qui non ci parliamo! …si cerchi un altro Ateneo!”, le frasi registrate) e prospettato vantaggi al secondo in caso di rinuncia all’impugnazione (poi risultata vittoriosa in primo grado). Di qui la denuncia a cui la Procura ha dato seguito fino all’incriminazione del rettore. Il deputato di Articolo 1 – Mdp Arturo Scotto ricorda che “già a marzo, a seguito della chiusura delle indagini preliminari, avevamo presentato un’interrogazione parlamentare al ministero dell’Università e della ricerca. Le dimissioni del rettore Novelli sono a questo punto doverose”.

Mondo

L’altra donna nell’urna: Nicola anti-Theresa per l’indipendenza della sua Scozia

Cronaca

Consip, sentito fino a tarda ora l’ad Marroni che ha accusato Lotti

Scuola in ritardo per l’assunzione di 30 mila docenti
Cronaca
In cattedra

Scuola in ritardo per l’assunzione di 30 mila docenti

di
Niente più bambini stranieri a scuola
Cronaca
La Storia • Laboratorio Lodi

Niente più bambini stranieri a scuola

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×