Carlot-ta, questa volta la sua opera è estrema

È un’opera “estrema”, in un mondo tecnologico come quello di oggi, il terzo disco della talentuosa pianista e cantautrice Carlot-ta, intitolato Murmure, descritto come “un canzoniere gotico per organo a canne, voce e percussioni”. Composto da 11 canzoni che sono una commistione di sonorità arcaiche, folk intimo e contaminazioni elettroniche (consigliate Sputnik 5, Sparrow, e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.