» Politica
mercoledì 17/10/2018

Cambia il decreto Genova: Autostrade può demolire

Il governo approva l’emendamento che cancella l’esclusione di Aspi dalle opere “propedeutiche e connesse” alla ricostruzione del ponte
Cambia il decreto Genova: Autostrade può demolire

Alla fine Autostrade per l’Italia potrà demolire quello che resta di Ponte Morandi, oltre a raccoglierne le macerie. Il grande stigma nei confronti del gruppo guidato dai Benetton – annunciato orgogliosamente dal governo, e soprattutto dai 5Stelle, all’indomani della tragedia – è stato addolcito nel tempo necessario a far approvare un emendamento. Aspi resterà fuori dalla ricostruzione, certo, ma potrà essere coinvolta in tutto quello che bisogna fare prima.

Il relatore grillino del decreto, Gianluca Rospi, mette le mani avanti: “Potranno prendersi carico solo dei lavori di rimozione delle macerie”. In verità l’emendamento non stabilisce questo, ma si limita a cancellare l’esclusione di Autostrade dalle opere “propedeutiche e connesse” alla ricostruzione del ponte (come enunciato nel comma 7 del primo articolo del decreto). E quindi in linea di principio nulla potrà impedire al commissario straordinario (e sindaco di Genova) Marco Bucci di incaricare la concessionaria anche per la demolizione del viadotto.

È stato lo stesso Bucci, peraltro, a porre come una delle condizioni per la sua nomina a commissario straordinario il fatto che cadesse l’esclusione di Autostrade almeno nelle fasi che non riguardano la ricostruzione.

Già a fine agosto il governatore ligure Giovanni Toti – che di Bucci è il padrino politico – invitava pubblicamente Luigi Di Maio a “evitare le polemiche” e “affidare i lavori di demolizione ad Autostrade”, mentre il vicepremier Cinque Stelle era fermo sulla posizione che l’azienda dei Benetton non dovesse “toccare nemmeno una pietra”. Alla fine, dopo un iter lungo, tortuoso e pasticciato, il governo ha votato per modificare il decreto Genova nella direzione auspicata dai totiani (e non a caso gli estensori dell’emendamento sono i deputati del gruppo di Forza Italia).

Perché la norma emendata entri in vigore, ovviamente, bisognerà attendere l’approvazione del decreto (entro 60 giorni dalla pubblicazione in Gazzetta, che è avvenuta il 28 settembre). E per iniziare la demolizione e la rimozione delle macerie bisognerà aspettare l’autorizzazione dei magistrati e il dissequestro dell’area. I pm non faranno perdere tempo, come ha garantito già ad agosto il procuratore di Genova, Franco Cozzi: “Se ci chiederanno di togliere i sigilli, se qualcuno arriverà dicendomi che sono pronti per la demolizione, noi saremo pronti a compiere gli accertamenti e dissequestrare l’area in tempi brevi”. Finora non si è presentato nessuno, difficile immaginare che si inizi prima di dicembre.

Intanto ieri sera Matteo Salvini ha incontrato Raffaele Cantone. Il presidente di Anac gli ha rinnovato le sue perplessità per il rischio che i lavori di ricostruzione possano essere esposti a infiltrazioni mafiose. Preoccupazioni che non sembrano aver persuaso il ministro.

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Politica
Il processo il 9 al Csm

Il renziano Ermini rinuncia: non sarà lui a giudicare Woodcock

Il vicepresidentedel Csm David Ermini non presiederà, come gli spetterebbe da regolamento, il collegio disciplinare che deve giudicare Henry John Woodcock e Celeste Carrano su presunte irregolarità nell’inchiesta Consip. A presiedere sarà il suo vice, Fulvio Gigliotti, uno dei professori eletti in quota M5s. Secondo quanto risulta al Fatto, Ermini- che vuole seguire il Mattarella pensiero sull’imparzialità di sostanza ma anche di apparenza – alcuni giorni prima dell’ udienza dirà che non potrà presiedere e così toccherà a Gigliotti. Ermini da deputato del Pd, renziano doc e responsabile Giustizia del partito, quando l’inchiesta Consip divenne un caso politico per il coinvolgimento, tra gli altri, dell’ex ministro Lotti e di Tiziano Renzi, attaccò: “Prima si prende di mira Renzi e poi si lavora sulle indagini? Ci sono mandanti?”. La prossima udienza non sarà lunedì 5 novembre, come previsto dall’ex collegio, ma il 9. La nuova sezione disciplinare ha deciso che celebrerà i processi solo al venerdì e non più anche il lunedì, per non intralciare il lavoro delle Commissioni.

Commenti

Manovra, anche se pochi lo ascoltano Draghi non smetta di parlare

Politica

Spese folli e bastone: Edoardo Rixi, la faccia “mite” del salvinismo

Come si svuota il Comitato
Politica
La riforma gialloverde

Come si svuota il Comitato

La sinistra e la sindrome da microrganismo
Politica
Déjà vu

La sinistra e la sindrome da microrganismo

di

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×