Basterebbe un premier dagli studi decenti

“Non essere ai Mondiali di calcio è una lezione per l’arroganza italiana”
Basterebbe un premier dagli studi decenti

Spero che non ci attenda una catastrofe, uno scombussolamento politico che il Paese non riesca a digerire, per esempio. D’altro canto non ci sono tante ipotesi rassicuranti: non vedo nessun motivo per cui essere ottimisti. Va bene che si andrà finalmente a votare, ma bisogna vedere cosa votare: il disfacimento politico è ancora in corso […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.