Ancora venerdì di sangue in nome di Gerusalemme

Proteste generalizzate dei palestinesi nel giorno della collera contro Trump e l’ambasciata statunitense
Ancora venerdì di sangue in nome di Gerusalemme

I vicoli deserti della Città Vecchia non sono di buon auspicio. Solitamente il venerdì, giorno di preghiera e riposo per l’Islam, le strade che salgono alla Spianata delle Moschee sono invase da bancarelle, pellegrini e fedeli. Non ieri. L’appuntamento è alla porta di Damasco attorno a mezzogiorno, ma sin dal mattino gruppetti di adolescenti palestinesi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.